Nuova sede della Regione a Pescara: se ne occupa l'ufficio tecnico regionale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1044

Nuova sede della Regione a Pescara: se ne occupa l'ufficio tecnico regionale
LA NOSTRA INCHIESTA
La Regione Abruzzo procederà alla redazione del progetto preliminare della nuova sede dell'ente regione.
Lo ha stabilito la Conferenza di servizi che si è svolta stamane all'Aquila, nella sede di Palazzo Silone, alla quale hanno preso parte l'assessore al Patrimonio, Giovanni D'Amico, il responsabile del programma di governo, Lamberto Quarta, e l'assessore del Comune di Pescara, Tommaso Di Biase. L'elaborazione dal punto di vista tecnico del progetto preliminare è il primo atto per la realizzazione della nuova sede.
La congruità del progetto stesso con il Piano attuattivo del Comune di Pescara verrà fatto successivamente da un gruppo di lavoro. La Conferenza ha inoltre assunto lo studio urbanistico e architettonico presentato dal Comune di Pescara dell'area sulla quale sorgerà la nuova sede regionale, studio con il quale si è voluto dare una precisa indicazione del carattere e della forma urbana che deve assumere quella parte della città.
Ma nella Conferenza di servizi si è anche stabilito di avviare un'azione di valorizzazione degli immobili regionali di Pescara.
«E' questo un passaggio importante - ha spiegato l'assessore Giovanni D'Amico - che sgombra il campo dai timori di smantellamento delle attuali sedi dislocate lungo la città. In questo modo andiamo a garantire la manutenzione degli edifici stessi evitando depauperamenti e mettiamo a disposizione della città di Pescara, degli enti locali e del Comune stesso strutture per svolgere l'attività amministrativa andando in questo modo a reperire risorse finanziarie per la costituenda sede».
Il discorso interessa anche il complesso ex Cofa, già inserito nei beni da dismettere. Su indicazione del Comune di Pescara, l'area è stata concessa in uso temporaneo per le finalità del porto commerciale, in attesa dell'avvio da parte del ministero delle procedure per l'acquisizione definitiva. Un'altra porzione di area è invece oggetto di trattativa con la Camera di commercio.
11/02/2006 10.27