Nasce l’Associazione Amici d’Israele "Abruzzo"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1203

Oggi , in concomitanza con il Giorno della Memoria viene inaugurata a Pescara la sede operativa dell'Associazione Amici d'Israele “Abruzzo” «Abbiamo scelto la giornata della “Shoah”», spiega il Presidente Massimo Leonardo VENE, «per sottolineare e rievocare la drammaticità dell'evento storico. Esso si riferisce ad una delle più vergognose vicende della storia umana, quando i regimi dittatoriali nazi-fascisti, poco più di sessant'anni fa, stabilirono, attraverso leggi razziali, di far arrestare tutti gli Ebrei e di rinchiuderli nei campi di lavoro forzato e di sterminio, per eliminare del tutto la loro "razza", ritenuta inferiore». Ma questi non furono i soli. «La stessa sorte toccò agli zingari, agli slavi, agli handicappati, ai neri», ricorda Vene, «e a tutti coloro che, secondo i nazisti e i fascisti, non appartenevano alla razza bianca ariana, considerata superiore e pura». A distanza di molti anni, ricordare quel martirio restituisce un po' di civiltà a tutti quelli che, anche inderettamente, lo hanno reso possibile.
«Non dobbiamo pensare», continua Vene, «che i nazisti e i fascisti fossero tutti dei paranoici deliranti dato che i loro capi erano persone istruite e di normale intelligenza e coscienti di quello che avevano deciso di fare. Lo sapeva Hitler e chi stava al suo fianco, lo sapeva Mussolini e il Re d'Italia che firmarono le leggi razziali per perseguitare gli Ebrei italiani. Lo sapevano tutti coloro che obbedirono a quelle leggi sbagliate e crudeli. Oggi la situazione discriminatoria e antisemitica è migliorata», conferma il presidente, «ma la strada verso la giustizia e la pace è ancora lunga, in quanto basta guardare a quante guerre e persecuzioni sono ancora in atto in ogni continente del mondo. Occorre proprio l'impegno di tutti noi».

27/01/2006 13.51