Abuso dei minori: necessaria la cooperazione tra sanità e sociale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

512

La presentazione delle linee guida regionali in materia di maltrattamento ed abuso dei minori sono state al centro di un seminario che si è tenuto, questa mattina, a Pescara, nell'aula magna dell'Ospedale Civile "Santo Spirito".
All'incontro ha presenziato l'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca. Riaffermando «il ruolo della Regione quale soggetto primario della programmazione a livello territoriale nell'ambito della prevenzione e del recupero dei minori in difficoltà», Mazzocca ha ribadito che «questa materia rientra di diritto nelle aree del'integrazione socio-saniatria che poi rappresenta uno dei capisaldi del prossimo Piano Sanitario Regionale. Solo con l'integrazione del sociale con il sanitario» ha proseguito l'assessore «sarà possibile, in effetti, dare una risposta concreta ed efficace alle istanze che provengono dal territorio».
Nella circostanza, il CISMAI, il coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento ed abuso dell'infanzia, ha presentato una bozza di documento che tiene conto di alcune esperienze pilota che sono consistite nell'attività di specifici Centri, collegati alle Asl di Teramo e Pescara, che hanno dato risultati di rilievo nel sostegno all'infanzia trascurata e vittima di abusi. «E' auspicabile», ha aggiunto l'assessore, «che il nuovo Piano Sanitario, alla luce delle esperienze acquisite, preveda un'attività a regime che consenta una valutazione clinica delle situazioni complesse di abuso. Inoltre, al fine di garantire percorsi operativi e progettuali integrati e di definire, al tempo stesso, indirizzi generali di politica sanitaria e sociale» ha concluso Mazzocca «occorrerà approfondire l'ipotesi di un coordinamento regionale, previsto nelle linee guida».
18/01/2006 15.39