Uil: «Per la vertenza Abruzzo si investa l’intero Governo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1367

  L’AQUILA. Ieri l’incontro tra l’assessore regionale alle attività produttive ed i sindacati per discutere di bilancio e crisi industriale    

 


L'AQUILA. Ieri l'incontro tra l'assessore regionale alle attività produttive ed i sindacati per discutere di bilancio e crisi industriale



 


 


Si è svolto ieri, 19 dicembre 2005, un incontro tra le segreterie regionali di Cgil, Cisl, Uil e l'assessore alle Attività produttive, Valentina Bianchi.
All'ordine del giorno c'era la priorità del bilancio (in riferimento alle attività produttive) e in discussione oggi al Consiglio regionale; si è parlato delle crisi industriali e dell'attuazione dell'accordo Sindacato-Giunta dello scorso 15 novembre.

BILANCIO. «Sono giuste le decisioni volte a non fare ulteriori debiti e lavorare all'azzeramento, in tre anni, del deficit sanitario», scrivono le organizzazioni sindacali oggi, «resta però il fatto che le risorse individuate per sviluppo, lavoro e sociale sono davvero esigue. Il fondo globale di 20 milioni di euro va impiegato prioritariamente per investimenti che aiutino il rilancio dell'economia regionale. Nel breve periodo, si dovrà evitare che nella definizione della Finanziaria regionale 2006 i 20 milioni si riducano ulteriormente, e favorire successivamente un loro impiego coerente, a partire dal provvedimento “omnibus”, concretizzando, tra l'altro, l'indicazione di una legge regionale sull'innovazione».
Sarebbe inoltre necessario un censimento di tutte le risorse effettivamente utilizzabili presenti nel bilancio, compresi i fondi vincolati.
Su tutto ciò, è mancata una vera concertazione.
La Finanziaria 2007 dovrà essere preparata in tutt'altra maniera, sin dai primi mesi del 2006, previo un vero confronto con le parti sociali, dicono i sindacati.

LA CRISI INDUSTRIALE. La Uil sostiene tutte le iniziative volte a recuperare i contenuti dell'emendamento in favore delle aziende in crisi del settore dell'elettronica e delle telecomunicazioni e si augura che l'incontro istituzionale del 21 dicembre tra il Presidente Del Turco e il Ministro Maroni abbia un esito positivo.
«Insistiamo però», aggiunge il segretario Uil Abruzzo, Roberto Campo, «anche affinché su tutti gli aspetti delle crisi industriali, ammortizzatori inclusi, non ci si limiti all'interlocuzione con singoli esponenti governativi, ma si investa il Governo nazionale in quanto tale, come stabilito nell'accordo Giunta Regionale-Cgil, Cisl, Uil Abruzzo dello scorso 15 novembre e sostenuto dall'intero Consiglio Regionale con il voto unitario del 15 dicembre. Inoltre, manca, ancora oggi, il raccordo Regione-Governo-Sindacato sulle vertenze aperte. Intanto, con l'Assessore Bianchi, abbiamo concordato per venerdì 23 dicembre una riunione sulle problematiche della Denso, all'indomani dell'annuncio di circa 400 esuberi, cui seguirà, a gennaio, un incontro a tre, presente anche l'azienda, con l'obbiettivo di rilanciare l'interesse del gruppo sulle prospettive dello stabilimento di San Salvo».

L'ACCORDO GIUNTA REGIONALE-SINDACATI. Pe quanto riguarda i punti dell'accordo Giunta-Sindacati del 15 novembre che fanno capo espressamente all'asessore Bianchi, si è concordato di fare nei primi giorni di gennaio un calendario per procedere ad incontri con i maggiori gruppi industriali presenti in Abruzzo, a cominciare da Fiat e Honda.
Sempre in occasione della riunione dei primi di gennaio, l'asessore avanzerà una proposta complessiva e articolata di confronto con le parti sociali, su tutti i temi di propria competenza, dai consorzi industriali, ai distretti, allo sportello unico per le attività produttive, con l'obbiettivo finale di concertare una o più iniziative legislative.
Infine, la Uil ha espresso le sue perplessità perché l'occasione dell'importante e positivo confronto tra la Giunta Regionale e Finmeccanica incentrata sul progetto Galileo non è stata colta anche per ricordare l'attesa dell'Abruzzo per la destinazione alla nostra regione di commesse del progetto Tetra e di attività Finmeccanica, con particolare riferimento alla soluzione della vertenza Oliit.

20/12/2005 10.16