«In Abruzzo? I treni arrivano sempre puntuali»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1225

L'Abruzzo regina di puntualità ferroviaria.
Lo ha affermato ieri a Pescara il direttore generale del settore Passeggeri di Trenitalia, Massimo Ghenzer.
L'indice attuale per il 2005 è pari al 91,6% di arrivi entro i cinque minuti e al 96% entro i 15 minuti. A settembre l'indice è stato rispettivamente del 93% e del 97%. Anche i clienti sembrano soddisfatti, a dire del dirigente.
Ma Trenitalia non si accontenta e vuole fare ancora meglio. Dal prossimo 11 dicembre, infatti, le ferrovie contano di poter migliorare gli attuali risultati gestionali.
«Le minori performance registrate nel primo semestre dell'anno», spiega Ghenzer, «sono dovute alle forti nevicate nel periodo da gennaio a marzo, alla sostituzione di locomotive sulla linea Adriatica (da E464 a E646), con il peggioramento della prestazione dei treni interregionali tra Ancona e Pescara».
I ritardi registrati sarebbero stati causati anche dai consistenti lavori svolti da Rete ferroviaria italiana sulla tratta Tivoli-Roma per la realizzazione dell'alta velocità, che hanno condizionato la circolazione dei treni sulla linea Pescara-Roma.
Buoni e in crescita risultano anche gli indici di soddisfazione della clientela. Trenitalia annuncia che lo scorso settembre il gradimento sulla permanenza a bordo dei treni è stato in Abruzzo dell'83,3% rispetto a una media nazionale del 69,8%. Anche il gradimento sulla pulizia espresso dagli utenti abruzzesi delle Ferrovie è risultato piu' alto che nel resto d'Italia, con un 60,9% rispetto alla media del 42,9%.
Nulla a proposito, tuttavia, è stato detto circa la dismissione delle numerose stazioni abruzzesi ed ai grossi problemi e disagi dei passeggeri in partenza da scali senza biglietterie o, come succede spesso a Pescara, con soltanto un paio di sportelli aperti e file lunghissime di oltre 20 minuti. 21/10/2005 8.12