Rifiuti, Di Dalmazio: «su smaltimento ora tocca ai Consorzi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1517

ABRUZZO. «E' necessaria una svolta decisa da parte dei Consorzi e dei Comuni nella gestione dei rifiuti».

E' l'appello che l'assessore all'Ambiente, Mauro Di Dalmazio, ha lanciato oggi nel corso della conferenza stampa di presentazione della programmazione dello smaltimento dei rifiuti per il 2011.

«Allo stato - ha spiegato Di Dalmazio insieme con il dirigente Franco Gerardini e il Segretario generale della presidenza, Enrico Mazzarelli, - l'Abruzzo può contare su un'autonomia di 400 mila metri cubi per un periodo fino alla primavera 2012. Ed è per questo motivo che abbiamo avviato la programmazione di gestione e smaltimento dei rifiuti che ora deve essere attuata da comuni e consorzi; quella stessa programmazione figlia della delibera della Giunta regionale di fine anno che ha dato la possibilità di aumentare la capacità delle discariche del 10%, potenziare gli impianti e la raccolta differenziata. Attualmente solo Spoltore ha incrementato del 10% la propria discarica, nonostante la Regione abbia autorizzato tutti i lavori».

L'attutale situazione di criticità che si registra in regione è dovuta alla ridotta autonomia di smaltimento, sono solo 6 le discariche attive, al mancato funzionamento degli impianti di trattamento di Notaresco e Castel di Sangro e alla mancata realizzazione di tre discariche (Gioia dei Marsi, Atri e Notaresco) già autorizzate per circa 900 mila metri cubi.

«Ora è necessario il cambio di passo - insiste Di Dalmazio - la programmazione è stata fatta e la Regione manterrà il suo ruolo di supporto reperendo risorse per dare sostegno alla raccolta differenziata (è il caso di rimodulazione dei fondi Fas) e ad altri interventi specifici, ma in questo contesto i Comuni e i Consorzi devono dare esecuzione a questa programmazione su un principio di responsabilità condivisa. Non sono più tollerabili atteggiamenti di alcuni comuni che fanno scaricabarile sulla Regione».

Sul fronte della Raccolta differenziata i numeri sono ancora lontani dagli obiettivi nazionali.

«Siamo fermi al 30% - spiega Franco Gerardini - la normativa nazionale parla di 60%. Sono inoltre 51 i comuni che si affidano al sistema domiciliare della raccolta differenziata, cifra molto superiore a quella di qualche anno fa ma ancora al di sotto degli standard nazionali. Non è vero - ha ribattuto Gerardini - che stiamo lavorando per creare l'emergenza; esiste invece una programmazione definita e su quella è necessaria la spinta decisiva dei Consorzi».

Su questo fronte, il Segretario generale della presidenza, Enrico Mazzarelli, ha sottolineato come «la Giunta regionale a due anni dal suo insediamento si stia avvicinando al concetto di autosufficienza così come richiede la normativa nazionale, offrendo strumenti giusti e adeguati agli enti locali. Abbiamo fatto un avviso pubblico per la ricerca di discariche fuori regione - ha ricordato Mazzarelli - che non solo ha il compito di fronteggiare una eventuale situazione emergenziale, ma anche quello di sgomberare il campo dalle opacità che alimentano il mondo dei rifiuti».

L'assessore all'Ambiente ha poi chiarito meglio i contenuti dell'avviso pubblico.

«Abbiamo assunto la disponibilità extraregione di alcune discariche pronte ad ospitare rifiuti. Questo è un elemento che potrebbe essere utile in caso di emergenza derivante dalla mancata osservanza della programmazione regionale, ma è stato utile anche per dare un indicatore di mercato sui prezzi e i costi degli operatori fuori regione. Su questo punto - ha aggiunto l'assessore - stiamo lavorando per conclude accordi di programma con le regioni di prossimità, e cioè Molise e Marche. Ma ripeto - ha concluso Di Dalmazio - ora i  Consorzi sanno quello che devono fare e l'emergenza rifiuti potrebbe arrivare solo, e sottolineo solo, in caso di inottemperanza alla programmazione regionale».

03/03/2011 15.24