Milleproroghe, passa il pacchetto Abruzzo. Rinvio tasse per i terremotati

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3114

ROMA. Rinvio al 1° novembre della restituzione delle tasse per i comuni colpiti dal terremoto, la proroga della cig per i lavoratori della Finmek e l'autorizzazione al comune de L'Aquila e ai comuni montani del cratere sismico di assumere per i prossimi tre anni.

E' quanto contiene l'emendamento bipartisan al Milleproroghe approvato dalle commissioni congiunte Bilancio e Affari costituzionali questo pomeriggio. Mentre non sono ancora scemate le polemiche sul pedaggio dell'asse attrezzato e il voto disgiunto di maggioranza e opposizione, quest'oggi centrodestra e centrosinistra hanno lavorato sulla stessa lunghezza d'onda. Modifiche faticosamente raggiunte che ora dovranno essere approvate definitivametne dal parlamento affinchè diventino effettive. Per quanto riguarda in particolare la riscossione delle rate in scadenza, è stato deciso che viene sospesa tra il primo gennaio e il 31 ottobre 2011.

Quindi la ripresa della riscossione avverrà a partire dal primo novembre 2011.

«Il problema non è risolto, ma è solo spostato di quattro mesi», ha commentato il senatore Pd Luigi Lusi, annunciando che c'é l'impegno della maggioranza, insieme all'opposizione, di arrivare ad una misura che, per la restituzione delle imposte sospese, stabilisca in via definitiva il rinvio di cinque anni, la rateizzazione su 10 anni e lo sconto del 40%.

Tra le altre misure, figurano lo stanziamento di 50 milioni in tre anni per la bonifica e la reindustrializzazione del sito inquinato di Bussi, con l'impegno ad esaminare nel futuro il riconoscimento di un bonus previdenziale per i lavoratori del polo chimico; misure per potenziare l'organico del personale per L'Aquila e per i piccoli comuni; la proroga degli organi dell'Accademia di Belle Arti e del Conservatorio de L'Aquila; la proroga per le tariffe incentivanti del fotovoltaico per gli enti locali della Provincia dell'Aquila; la proroga della cassa integrazione per i lavoratori della Finmek.

I senatori abruzzesi di maggioranza e opposizione - si afferma in una nota del senatore Fabrizio Di Stefano - «esprimono soddisfazione per i risultati conseguiti, a dimostrazione che quando c'é collaborazione le ragioni dei territori colpiti dal sisma possono essere meglio tutelate. Resta comunque da parte di tutti l'impegno a proseguire nello sforzo per individuare una soluzione definitiva al problema delle tasse».

«Per ora, è una prima risposta, anche se ancora parziale e provvisoria ad alcune emergenze che rappresentano purtroppo soltanto alcune delle numerose priorità da affrontare», ha commentato invece il senatore Idv Alfonso Mascitelli.

«Grazie al lavoro unitario dei senatori abruzzesi di maggioranza e opposizione, con il mille proroghe sono arrivati risultati positivi per la citta' dell'Aquila», ha invece commentato il commento del deputato Pd Giovanni Lolli.

«Resta il problema enorme - ha sottolineato il deputato - legato alla mancanza di copertura finanziaria per la sospensione dei versamenti tributari. Dovremo pertanto batterci affinche', entro il mese di ottobre, il Governo reperisca le risorse necessarie».

Sul caso Finmek c'è invece la soddisfazione dell'onorevole di Sulmona Paola Pelino (Pdl): «il provvedimento consente ai lavoratori Finmek de L'Aquila e di Sulmona una proroga di cassa fino al 30 giugno. Devo sottolineare l'impegno mio personale e del governo che ancora una volta coi fatti concreti ha dimostrato di essere vicino ai lavoratori e all' Abruzzo in modo particolare anche perché son passati altri emendamenti di peso, fra cui la proroga della restituzione delle tasse al 31. Ottobre 2011. Questo risultato smentisce lo scetticismo di tanti e smorza qualsiasi tipo di polemica che c'é stata e che voleva soltanto strumentalizzare», chiude l'onorevole sulmonese.

11/02/2011 17.30