Rischio idrogeologico e ripascimento: arrivano 40milioni ed un nuovo commissario

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4733

Rischio idrogeologico e ripascimento: arrivano 40milioni ed un nuovo commissario
ABRUZZO. Interventi per oltre 40 milioni di euro attraverso la sottoscrizione di un accordo di programma quadro con il ministero dell'Ambiente.

L'Abruzzo è tra le prime regioni italiane a sottoscriverlo. Un risultato che dovrebbe aiutare il risanamento idrogeologico del territorio che permetterà di realizzare interventi urgenti in tutta la regione.

A presentarlo questa mattina, all'Aquila, il Presidente della Regione, Gianni Chiodi e l'assessore ai lavori pubblici, Angelo Di Paolo nel corso di una conferenza stampa. L'Accordo di programma Quadro, tra il Ministro dell'Ambiente e l'Assessore regionale Di Paolo prevede una spesa complessiva di 40.750.000 euro, dei quali oltre 30milioni a carico del Ministero dell'Ambiente e 10 milioni a carico della Regione quale cofinanziamento obbligatorio.

Per sovriontendere ad appalti e assegnazione di lavori arriva l’ennesimo commissario in Abruzzo, si tratta di Gianfranco Mascazzini che provvederà a coordinare e a verificare la corretta attuazione degli interventi previsti.

Per il risanamento e la mitigazione del rischio idrogeologico stanziati 11.750.000 euro, per il rischio idraulico 21milioni di euro e per la difesa della costa 8 milioni.

In particolare per il risanamento e mitigazione del rischio idrogeologico, tutti di importo pari a 1.000.000 di euro, sono previsti 4 interventi in provincia dell'Aquila, 3 interventi in provincia di Pescara, 3 interventi in provincia di Teramo e 2 soltanto due interventi in provincia di Chieti che è pure quella più vasta per estensione.

Per il rischio idraulico sarà realizzata una cassa di espansione sul Torrente Valle Mura nel centro abitato di Carsoli, in provincia de L’Aquila e opere di sicurezza idraulica e di riqualificazione ambientale del Torrente Raio e del Fiume Aterno, nella zona industriale della città dell'Aquila, opere idrauliche sul Fiume Pescara nei pressi della zona industriale, in provincia di Pescara. E poi saranno realizzate opere di sicurezza idraulica e di difesa spondali sul Fiume Vomano, in provincia di Teramo, nei territori dei Comuni di Castelnuovo Vomano, Cellino Attanasio, Notaresco, Morro d'Oro, Atri, Pineto e Roseto degli Abruzzi.

Infine, è prevista la realizzazione di una cassa di espansione sul Fiume Foro in prossimità della confluenza con il Torrente Dendalo, in Provincia di Chieti.

Per interventi di difesa della costa la riqualificazione delle scogliere e delle barriere emerse esistenti riguardano i Comuni di Martinsicuro (Te), Roseto degli Abruzzi (Te) e Francavilla al Mare (Ch). «Si tratta - ha spiegato l'assessore Di Paolo - della prosecuzione delle attività di risanamento e mitigazione del rischio, nei tre grandi settori del risanamento del territorio regionale e di una anticipazione delle attività future che saranno programmate con i fondi FAS attribuiti all'Abruzzo». «Il programma - ha aggiunto il Presidente - assume grande rilevanza sia per l'impegno finanziario, sia per la completezza della programmazione in tutti i settori di criticità ma anche per la tempestività delle attività intraprese. E' prevesto un cofinanziamento regionale obbligatorio pari a 10milioni di euro per cui è stato necessario reperire le risorse finanziarie dalla quota assegnata dal PAR-FAS regionale alla mitigazione del rischio idrogeologico (suolo, fiumi, costa). Resta inteso che le ulteriori risorse finanziarie disponibili sullo stesso Strumento di Programmazione (PAR-FAS) saranno naturalmente utilizzate per il risanamento di altre e diverse situazioni di rischio, presenti sul territorio regionale, in relazione ai criteri prioritari vigenti, non appena le disponibilità economiche saranno effettivamente programmabili».

 24/01/2011 14.58