Arpa, biglietti si comprano anche sui bus ma costano 30% in più

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6018

ABRUZZO. Dopo il biglietto elettronico acquistabile su Internet, adesso i titoli di viaggio Arpa si possono comprare anche a bordo dei bus.

C’è però una maggiorazione sul prezzo ordinario del 30%, cosi come previsto dalla legge della Regione Abruzzo n°13 dell’ottobre 2008, che disciplina la materia specifica della vendita dei titoli di viaggio  a bordo dei mezzi di trasporto pubblico. 

L’innovazione per il momento riguarda solo alcune autolinee.  Infatti,  in via sperimentale sulla L’Aquila-Pescara, sulla Teramo-L’Aquila e sulla Sulmona-L’Aquila i conducenti dei bus Arpa venderanno i titoli di viaggio con sovrapprezzo del 30% ai passeggeri che ne faranno richiesta.

Il rincaro del costo del biglietto –secondo la società- dovrà incentivare il ricorso all’acquisto presso le biglietterie ed i punti vendita autorizzati, oppure a quello del biglietto elettronico disponibile su Internet.

«Il biglietto a bordo è il frutto di un accordo molto laborioso che Arpa ha sottoscritto di recente con le rappresentanze sindacali dei lavoratori dell’azienda», spiegano dall’azienda, «che hanno condiviso l’esigenza di disporre di un ulteriore mezzo per combattere l’evasione tariffaria: un fenomeno ancora molto presente nelle realtà del trasporto pubblico locale della nostra Regione e dell’intero paese che  incide in modo sensibile sulle entrate  delle aziende. Inoltre, si tratta anche di un ulteriore servizio molto utile e prezioso che viene offerto a quanti non possono disporre del biglietto utilizzando i canali di acquisto ordinari».

09/09/2010 8.40