Sociale. Assessore Gatti: «è stato fatto tanto con contributo di tutti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1667

ABRUZZO. Al via confronto per approvazione 4° piano sociale regionale

Settembre sarà il mese del confronto fra l'assessorato alle Politiche Sociali, i sindacati e i territori, per portare all'approvazione il quarto Piano Sociale Regionale, la cui bozza è in corso di ultimazione, grazie anche agli spunti che vengono dai sindacati, non ultimo la Uil, sollecitati dallo stesso assessore Gatti nella riunione del 13 agosto scorso nella quale sono state presentate le "Linee Guida del Piano Sociale".

In esse sono tracciate le vere e proprie evoluzioni del welfare regionale, in superamento delle logiche di assistenzialismo e di dipendenza, con l'obiettivo di affermare strumenti attivi di assistenza e protezione, orientati più al cittadino e meno ai sistemi di rappresentanza e di mediazione.  «Suggerimenti e osservazioni che io stesso ho sollecitato in un percorso franco e leale di confronto con le parti sociali, sono ovviamente sempre ben accetti - commenta Gatti - ma dispiace che possano essere oggetto di strumentalizzazione per accreditare la tesi che la Regione Abruzzo faccia poco e male in tema di politiche sociali».

«Abbiamo fatto tanto – prosegue l'assessore - con il contributo di tutti, e molto altro dobbiamo fare per mantenere e impegnarci a migliorare il livello dei servizi, nonostante l'evidenza dei tagli di risorse a livello nazionale e lo stato deficitario delle casse regionali. Auspico che il confronto che ci apprestiamo a realizzare sia ampio, esaustivo e rapido per dare certezze e servizi di qualità ai cittadini».

L'assessore assicura che il quarto PSR (Piano Sociale Regionale) «individuerà con precisione i livelli essenziali, i criteri di gestione dei servizi e delle strutture assistenziali». In relazione alla evidenziata carenza circa i dati socio-demografici esposti nelle Linee Guida, «una puntuale lettura socio-demografica e dei bisogni troverà ampia sede nella costruzione del Profilo sociale regionale del redigendo PSR, correlandosi, essa sì, alla definizione dei Livelli essenziali di assistenza sociale».

 

08/09/2010 15.22