Sangritana, rilancio da 150 milioni di euro in tre anni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2563

LANCIANO. Una giornata redditizia quella che ha visto la IV Quarta commissione Industria, Commercio e Turismo della Regione ‘in trasferta’ da questa mattina a Lanciano.

La commissione, presieduta da Nicola Argirò, ha infatti accolto positivamente l’invito del presidente della Sangritana, Pasquale Di Nardo, a trascorrere un’intera giornata nella città frentana per discutere dei piani di sviluppo per l’azienda, partecipata al 100% della Regione Abruzzo.

Il programma dei lavori è iniziato stamattina con la riunione nel corso della quale Di Nardo ha illustrato il piano di impresa della società che prevede investimenti da 150 milioni di euro spalmati nei prossimi tre anni.

Quindi Di Nardo ha guidato Argirò e tutti gli altri componenti della Commissione in un tour comprendente la visita a mezzi e stabili di pertinenza della Sangritana: il nuovo deposito ferroviario, il deposito di pullman, il parco presa e consegna merci della Stazione di Fossacesia-Torino di Sangro e la stazione ferroviaria di Saletti, nella zona industriale della Val di Sangro.

A fine tour, infine, i componenti della Commissione e i vertici di Sangritana si sono confrontati sulle possibilità di sviluppo dell’azienda di Lanciano, alla luce del nuovo Piano di riordino che la Regione si appresta a legiferare.

E sono molte le idee su cui lavorare, i progetti da concretizzare per ‘lanciare’ la Sangritana e in generale tutto il territorio frentano: la riattivazione del “treno della Valle”, sospeso nel 2005 e che l'ultimo anno trasportava circa 35mila visitatori alla scoperta delle aree interne dell'Abruzzo; l'attivazione di un collegamento ferroviario tra Vasto e Bologna sulla direttrice adriatica, ripristinando fermate come Vasto e Giulianova, dismesse dalle linee di Trenitalia. Per quanto riguarda le merci si è parlato dell'ammodernamento del raccordo ferroviario Porto di Ortona-zona industriale di Ortona e della realizzazione di un nuovo raccordo tra il Porto di Vasto e l'Autoporto di San Salvo. «Ma la vera sfida - hanno commentato Argirò e Di Nardo - è rappresentata dal completamento del collegamento ferroviario tra Adriatico e Tirreno che potrà unire Fossacesia e Napoli, recuperando a fini turistici e di trasporto merci, il tracciato storico della Sangritana. A giorni sarà firmato l'appalto per l'unificazione delle stazioni di Sangritana e Fs a Castel di Sangro, passaggio fondamentale per concretizzare questo progetto».

Idee e propositi che mirano dunque al rilancio dell’area frentana – e non solo – da un punto di vista turistico e promozionale, ma anche economico e produttivo.

«La Sangritana – ha commentato il presidente Di Nardo ringraziando Argirò per la sua visita – sta vivendo grandi opportunità di sviluppo. Molte novità – ha aggiunto – si concretizzeranno l’anno prossimo che è un anno importantissimo perché festeggeremo i 100 anni della nostra azienda. Dei tantissimi aspetti su cui abbiamo puntato voglio rimarcare il rispetto dell’ambiente, ottenuto con il sempre crescente utilizzo di mezzi ‘puliti’ che non inquinano e permettono risparmi in termini di tempi e risorse».

«Vogliamo toccare con mano – ha aggiunto il presidente della Commissione Argirò - tutto quello che riguarda la Sangritana, perché per legiferare sul piano di riordino dobbiamo renderci conto di quali sono potenzialità e limiti di questa azienda». Argirò ha poi fatto riferimento ai tagli imposti al sistema dei trasporti in Abruzzo: «Non è giusto – ha detto – tagliare il 10 per cento indistintamente, bisogna analizzare bene come e dove il trasporto viene effettuato e bilanciare il riordino dei servizi sulla base delle esigenze dei diversi Comuni dell’Abruzzo».

A conclusione della Commissione il presidente Di Nardo ha chiesto a tutti l'impegno nell'accelerare gli iter burocratici dei progetti, a partire da quello per la stazione passeggeri di Saletti, che la prossima settimana sarà presentato ufficialmente alla Regione per il via libera definitivo. Invito raccolto da Argirò e dagli altri commissari, che hanno assicurato il loro impegno, annunciando che la Sangritana sarà all'ordine del giorno della prossima seduta della Commissione, così da approfondire alcuni aspetti legati alla riunione di oggi.

Daniela Di Cecco 18/01/2011 18.46