Trasporto gratuito disabili, D’Achille (Ierfop) sollecita l’assessore Morra

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2285

ABRUZZO. Già i disabili vivono quotidianamente ingiustizie e mortificazioni, dover poi recriminare un loro diritto, essendo costretti a mendicare le tessere per il trasporto gratuito, è davvero un sopruso inaccettabile.

La pensa così Augusto D’Achille, coordinatore regionale dello Ierfop (Istituto europeo ricerca, formazione, orientamento professionale per disabili e operatori sociali) che in una lettera aperta all’assessore regionale ai Trasporti Giandonato Morra chiede di provvedere con immediatezza ad autorizzare i Comuni al rilascio delle tessere.

«Con tale ingiustificabile ritardo – polemizza D’Achille - puntualmente ogni fine anno, il suo assessorato ricorda ai disabili gravi, l'arcaico concetto che sono cittadini  di serie b, posti ai margini della comunità, ai quali la collettività caritatevolmente consente di viaggiare  gratuitamente  sui mezzi di trasporto pubblico locale. Il dramma degli invalidi, assessore – aggiunge il presidente Ierfop - non è problema che attiene solo ai diretti interessati e alle rispettive famiglie, ma sempre più deve essere problema della collettività, della cui soluzione le istituzioni  devono farsi carico più concretamente di quanto già fanno».

Infine D’Achille ricorda che il trasporto gratuito degli invalidi non è un’elargizione della Regione Abruzzo, ma una concessione prevista da convenzione internazionale da collegarsi alla specifica  "sociale" del trasporto pubblico. Per questo, conclude il presidente, la Regione non deve far altro che attenersi alle regole internazionali ed espletare i suoi doveri nel più breve tempo possibile.

12/01/2011 11.56