Consenso, Chiodi il meno amato d'Italia. Cialente +8,8%

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4283

Consenso, Chiodi il meno amato d'Italia. Cialente +8,8%
ABRUZZO. Chiodi è il presidente di Regione meno amato d'Italia. Cialente +8% rispetto all'anno scorso. Mascia ultimo sindaco tra gli abruzzesi conserva però il 50% dei consensi.

Nessuno in Italia è meno amato di lui. Gianni Chiodi, governatore dell'Abruzzo, se è tra i primi per numero di cariche avocate a sè è invece ultimo nella classifica del consenso da parte dei cittadini.

E' quanto emerge dal Governance Poll del 2010 di Ipr Marketing che ha effettuato il sondaggio sul consenso agli amministratori locali per il quotidiano Il Sole 24 Ore.

L'ultimo gradino della classifica dei presidenti di Regione Chiodi (-1,8% rispetto all'anno dell'elezione) la divide con il molisano Michele Iorio, e il sardo Ugo Cappellacci (tutti del Pdl). Tutti e tre si posizionano al 47% del gradimento e insieme a Stefano Caldoro della Campania sono gli unici che non riescono a superare la soglia del 50%. Primo in graduatoria tra gli italiani, invece, Luca Zaia (Lega) del Veneto.

Per quanto riguarda i presidenti di Provincia (tutti del Pdl) penultimo posto in classifica nazionale, ovvero 103°, per Valter Catarra di Teramo. Rispetto alla rilevazione precedente ha perso 4 punti percentuali. 69° posto per Antonio Del Corvo de L'Aquila, 51° posto per Enrico Di Giuseppantonio di Chieti e Guerino Testa di Pescara.

Per quanto riguarda i sindaci (il primo è Matteo Renzi di Firenze) Massimo Cialente (Pd) risulta tra i più amati d'Italia posizionandosi all'8° posto in classifica generale (62% di gradimento) e con 8,8% rispetto al risultato dell'anno delle elezioni e un + 3 rispetto all'anno scorso.

All'11° posto si posiziona invece il sindaco di Chieti Umberto Di Primio (Pdl) con il 60% di gradimento (1,4% in meno rispetto alla sua elezione).

Decisamente distaccati invece i sindaci di Teramo Maurizio Brucchi e di Pescara Luigi Albore Mascia. Il primo si posiziona al 43° posto (54% di gradimento), il secondo al 73° con il 50% di gradimento (4,5% in meno rispetto all'anno della propria elezione)

Le interviste sono state effettuate nel periodo 15 settembre-15 dicembre 2010 su un campione di 2 mila elettori per regione per quanto riguarda i governatori, 800 elettori per i presidenti di provincia e 600 elettori per i sindaci.

La domanda alla quale rispondere era: «le chiedo un giudizio complessivo sull'operato del Presidente della Regione /provincia/sindaco nell'arco del 2010. Se domani ci fossero le elezioni regionali, lei voterebbe a favore o contro l'attuale Presidente di Regione? »

a.l. 10/01/11 14.49