Consiglio salta per numero legale, Fli contro Pdl

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1168

L'AQUILA. La seduta di ieri del Consiglio si è conclusa per mancanza del numero legale dopo la verifica chiesta dalle opposizioni di centrosinistra.

In aula al momento del rinvio erano assenti i tre consiglieri di Fli che hanno abbandonato per protesta contro il Pdl che non ha ancora convocato una riunione di maggioranza per fare il punto complessivo sull'attività amministrativa.

La seduta è stata caratterizzata dall'ennesimo rinvio di argomenti da tempo iscritti all'ordine del giorno come le nuove norme per la definizione del calendario venatorio regionale per la stagione 2010-2011, le norme sull'attività edilizia e le disposizioni per la partecipazione della Regione Abruzzo alla costituzione della Fondazione "Giovani per l'Abruzzo onlus".

Inevitabili le ripercussioni a livello locale di quello che accadeva a Roma: fiducia al governo e spaccatura sempre più netta tra le due anime del centrodestra.  

L'assemblea regionale ha invece licenziato all'unanimità il provvedimento di ampliamento del perimetro della pineta dannunziana a Pescara con l'inclusione di una nuova zona a sud, coerentemente con quanto stabilito dal comune di Pescara.

Il Consiglio regionale ha approvato all'unanimità un provvedimento per l'Ater di Pescara che così ripartisce i circa 3 milioni di euro provenienti dalla vendita degli alloggi: il 20% per ripianare il bilancio, in tal senso, l'Ater arriva al pareggio, poi 900mila euro per la manutenzione di 20 alloggi inagibili che possono essere assegnati ad altrettante famiglie, 300mila euro per ristrutturazione di case popolari a Borgo Marino Sud e 400mila per il contratto di quartiere di Manoppello.

Ottocentomila euro sono stati destinati con un emendamento alla manutenzione di alloggi bisognosi di intervento.

«Si tratta di un provvedimento molto importante - ha spiegato il consigliere regionale del Pdl Lorenzo Sospiri - perché migliora le condizioni di vita di persone in difficoltà»

«Abbiamo abbandonato l'aula perché ad oggi non è stata data alcuna risposta alla richiesta di un tavolo politico per discutere sull'attività amministrativa che abbiamo fatto al Pdl nelle passate settimane», ha commentato il consigliere di Fli Emilio Nasuti, presidente della commissione Bilancio, nel motivare l'iniziativa di protesta adottata dai tre consiglieri di Fli nella seduta odierna del Consiglio regionale.

Il vice coordinatore regionale di Fli ha accolto positivamente la convocazione di una riunione di maggioranza sul Bilancio fissata per il pomeriggio ma rinviata a domattina per le difficili condizioni meteorologiche sulla costa.

«Ci auguriamo che i vertici del Pdl ci convochino per capire come la maggioranza deve andare avanti nel programma amministrativo», ha concluso Nasuti.

15/12/2010 8.22