Consiglio Abruzzo: il primo gennaio in vigore nuovo regolamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1022

ABRUZZO. Entrerà in vigore il primo gennaio 2011 il nuovo Regolamento sul funzionamento del Consiglio regionale approvato dall'Assemblea regionale.

Il nuovo Regolamento si compone di 164 articoli suddivisi in XVII Capitoli che trattano via via delle disposizioni preliminari, il Presidente e l'Ufficio di Presidenza, la Giunta per il Regolamento, la convalida ed annullamento delle elezioni, decadenza, dimissioni e sostituzioni dei Consiglieri, dei Gruppi consiliari, delle Commissioni permanenti e speciali, delle sedute del Consiglio, dell'ordine delle sedute, dell'iniziativa legislativa e regolamentare e della qualita' della normazione, delle sedute e della discussione in Commissione, della discussione in Consiglio. Il Capitolo XII - Procedure Speciali - e' diviso in 6 Sezioni che trattano della revisione dello Statuto, dell'esame dei documenti di bilancio e di programmazione, della sessione comunitaria, dei rapporti con il Consiglio delle Autonomie locali, il Collegio delle Garanzie statutarie e il Comitato per la legislazione, l'iniziativa ed esame dei provvedimento amministrativi, le norme di rinvio.Seguono le disposizioni che regolamentano le deliberazioni, la forma di Governo della Regione, l'elezione o designazione di persone, le procedure di informazione, di indirizzo, di controllo e di partecipazione e le disposizioni finali.

«Si tratta di un risultato di grande significato politico e istituzionale - ha detto il presidente del Consiglio Nazario Pagano- che premia la tenacia ma anche lo spirito costruttivo e unitario portato avanti da Di Bastiano e da tutti i componenti la Commissione».

«La Giunta per il Regolamento ha licenziato - ha spiegato Walter Di Bastiano - quello che, a mio parere, è il migliore articolato che potessimo presentare in Aula e tiene conto della riforma del Titolo V della Costituzione che ha comportato un rilevante mutamento dell’assetto istituzionale, ed è stato adeguato al nuovo Statuto della Regione Abruzzo, entrato in vigore l'11 gennaio 2007».

L’adeguamento al nuovo assetto istituzionale prevede un sistema innovativo di rapporti tra Giunta e Consiglio regionale, che vede sempre più il Consiglio stesso assumere un ruolo di controllo dell’attività dell’esecutivo, ma anche di raccordo con le istituzioni locali.

Il nuovo Regolamento ha scelto come fulcro il metodo della programmazione. Peculiarità della disciplina è la Conferenza dei capigruppo integrata dall’Ufficio di Presidenza e dai Presidenti delle Commissioni consiliari permanenti, che approva i programmi e i calendari delle attività del Consiglio regionale e delle Commissioni.

La Conferenza integrata - ha detto ancora Di Bastiano - svolge quindi un ruolo di raccordo tra i Capigruppo, i Presidenti di Commissione, l’Ufficio di Presidenza ed il Presidente della Giunta, al fine di garantire che la programmazione dei lavori del Consiglio veda coinvolti tutti i soggetti istituzionali interessati.

«Questo sistema vuole assicurare un giusto equilibrio nei rapporti tra Giunta e Consiglio, dare uno spazio riconosciuto all’iniziativa dell’opposizione e permettere uno svolgimento coerente e consapevole dell’attività delle Commissioni e dell’Assemblea».  

 01/12/2010 12.29