The Indipendent, l'Abruzzo e le sue montagne segrete

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2055

ABRUZZO. Dopo le pale eoliche di Tocco da Casauria sul New York Times le montagne d'Abruzzo approdano sul quotidiano inglese 'The indipendent'.

Le piste da sci, i paesaggi, i vini abruzzei, il cibo (compreso il 'Viagra' d'Abruzzo) sono approdati nella sezione 'turismo e sci' dell'Independent in un articolo intitolato "Sciare sulle piste segrete d'Italia". Un redazionale con tanto di nomi di hotel, prezzi, indicazioni stradali che sicuramente incuriosiranno gli inglesi e magari li porteranno a sciare sulle piste tra Roccaraso e Ovindoli, Campo Felice e Campo Imperatore, seguendo la stessa rotta compiuta dal giornalista.

«L'espressione 'il segreto meglio custodito' - si legge nel pezzo - viene spesso usata per promuovere destinazioni meno conosciute, o addirittura potrebbe far pensare a 'marketing non riuscito'. Ogni tanto, però, il 'segreto meglio custodito' risulta essere davvero tale e le aree sciistiche dell'Abruzzo rientrano in questa categoria».

«Il viaggio su strada a nord-ovest da Roccaraso (secondo per impianti solo a Cortina D'Ampezzo) a Ovindoli è caratterizzato da una serie di borghi medievali aggrappati alle colline», scrive il giornalista.

«Le pianure e il distante massiccio del Gran Sasso sono immagini che resteranno impresse a lungo nella mente, così come l'esperienza di sciare tra i faggi, con le loro fragili foglie ostinatamente appese durante l'inverno».

«Le condizioni della neve erano perfette», scrive ancora il giornalista, «le piste affollate, gli impianti di risalita moderni».

Si parla anche di quello che si può mangiare: «spuntini squisiti (simili alle tapas), con combinazioni di formaggi, salumi, pane locale». «Abbiamo sorseggiato vino rosso Montepulciano d'Abruzzo», ammette infine il giornalista che ammette di aver degustato anche la Genziana.

23/11/2010 11.23

* L'ARTICOLO INTEGRALE