Precari protestano, scontro con Chiodi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1418

L'AQUILA. Nuovo blitz dei precari per contestare la mancata stabilizzazione.

Questa mattina un gruppo ha fatto irruzione nell'auditorium di palazzo Silone e ha esposto uno striscione con la scritta "Chiodi se ne frega dei suoi precari".

Proprio in quei momenti si stava svolgendo una riunione tra il presidente Gianni Chiodi, il vice, Alfredo Castiglione, e le parti sociali sul documento di programmazione economico finanziario.

La protesta è stata silenziosa, non sono stati pronunciati slogan e all'inizio sembrava che tutto potesse chiudersi senza alzare i toni.

A un certo punto, però, il presidente è intervenuto ed è iniziata un'animata discussione.

I precari della Giunta regionale chiedono da molti mesi la stabilizzazione, ma una legge approvata recentemente in Consiglio con i voti della maggioranza di centrodestra ha stabilito bandi di concorso aperti all'esterno per posti a tempo determinato: possono saltare la preselezione i precari che, al 28 settembre 2007, avevano maturato nel quinquennio precedente tre anni di militanza nella pubblica amministrazione, requisiti che però in altre Regioni, fanno notare i precari, ha portato alla stabilizzazione da tempo.

Nella Giunta regionale sono circa 160 i co.co.co., una quarantina dei quali con i requisiti dei tre anni. Molti sono in scadenza di contratto a fine novembre e sui rinnovi non c'é unicità di vedute tra i direttori chiamati ai rinnovi, legati a progetti in corso.

«La confusione regna sovrana - attacca un gruppo di co.co.co. - ognuno dà risposte diverse, da Chiodi all'assessore Carpineta ai direttori. L'unica cosa certa è che a fine mese andremo a casa».

Ma a protestare davanti a palazzo Silone questa mattina c'erano anche i dipendenti di Abruzzo Engineering.

Oggi l'assemblea dei soci deciderà sul rilancio o la liquidazione. L'ultima parola spetta al presidente della Giunta, Gianni Chiodi, che rappresenta il socio di maggioranza relativa.

17/11/2010 13.13