Sanità. Chiodi:«il piano di rientro dai debiti va una meraviglia»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1237

ABRUZZO.  «Come commissario ad acta per la sanità percepisco un compenso pari a zero euro».

«I costi della struttura commissariale sono molto bassi poiché sono a nostra disposizione le strutture amministrative della Regione, i Servizi della Direzione Politiche della Salute, l'Agenzia Sanitaria Regionale nonché i Servizi della Direzione Bilancio quali uffici strumentali necessari ai fini dello svolgimento dell'incarico».

 Lo ha detto questa mattina, all'Aquila, il Presidente della Regione Gianni Chiodi, rispondendo ad una interpellanza dell'opposizione sul piano di rientro e sulla nomina a commissario ad acta.

«I risultati - ha proseguito Chiodi - rispetto al deficit ereditato da questa giunta, sono soddisfacenti. Siamo oramai considerati un modello dalle regioni e dal governo nazionale. Questo dà fastidio a molti ma noi stiamo cercando di mettere finalmente ordine e trasparenza nel sistema sanitario dove molto spesso si sono scambiati privilegi per diritti».

 Chiodi ha parlato anche del risultato del contenimento della spesa per il personale dall'11 settembre 2008 ad oggi: al 31.12.2008 la spesa era pari a 700.244.000 euro mentre al 31.12.2009 era di 689.793.000 con un contenimento pari ad oltre 10 milioni di euro. Per l'anno in corso i dati definitivi si avranno al 31 dicembre. «Nell'anno 2009 - ha aggiunto Chiodi - la Regione Abruzzo, in Italia, è stata la più incisiva nel contenimento della spesa per la medicina convenzionata di base garantendo gli stessi livelli essenziali d'assistenza degli anni precedenti. Infatti, i tagli hanno inciso esclusivamente sulle prestazioni facoltative erogate dai medici di base. I dati al 2009 parlano, nel campo della spesa farmaceutica, di un risparmio complessivo di 12 milioni di euro. Per il 2009 possiamo ritenerci soddisfatti, dunque, mentre per il 2010 il percorso virtuoso continua con grande determinazione».

02/11/2010 19.07