Guai in vista per la Selex: fondi neri, sospette tangenti e sponsorizzazioni fasulle

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

11608

SABATINO STORNELLI, PRESIDENTE DELLA VALLE DEL GIOVENCO

SABATINO STORNELLI, PRESIDENTE DELLA VALLE DEL GIOVENCO

ABRUZZO. La Selex è stato un terno al lotto per chi è stato ai vertici della società e per chi ne è venuto a contatto negli anni.

 

Vince chi comanda, perde il pubblico che ci mette i soldi. Non lascia scampo un rapporto della polizia di Pescara che indagando sui rifiuti si è ritrovata “mani e piedi” dentro la brutta storia di Abruzzo Engineering e poi dentro la brutta storia della Selex, socio privato della società mista della Regione.

La Selex management è controllata dalla Finmeccanica che è al centro di pericolose inchieste su presunte tangenti e fondi neri.

A svelare i risultati delle indagini della Squadra Mobile, coordinate da Nicola Zupo, è un articolo del quotidiano La Repubblica nel quale Giuseppe Caporale riporta dettagli ed informazioni che fanno prevedere terremoti imminenti e nuove incredibili verità di presunta corruzione e malaffare senza controllo.

Caporale parla senza mezzi termini di «fondi neri della Finmeccanica girati da Selex di Sabatino Stornelli alla Valle del Giovenco», la squadra di calcio di prima divisione presieduta prima da Vincenzo Angeloni e poi dallo stesso Stornelli. Una vicenda piena di ombre quella della squadra di calcio nata a Pescina e poi diventata un caso quasi unico per la disponibilità di fondi che si intuiva circolassero ma senza capire da dove venissero. E poi l’ombra di Finmeccanica era ad ogni passo…

Un fenomeno quello della Vdg appoggiato dalla politica che non si è mai accorta di nulla, né si è posta domande sui personaggi che ruotavano intorno a questa storia.

Angeloni e Stornelli sono rimasti coinvolti dal filone delle indagini sui rifiuti che ha riguardato il “gruppo Stati” e presunte regalie per l’ex assessore alla protezione civile per poter “oliare” qualche appalto da assegnare tramite Abruzzo Engineering alle società degli amici, questo è quanto ritiene la procura.

Come già anticipato da PrimaDaNoi.it su Abruzzo Engineering, Selex e la Valle del Giovenco indagano più procure tra cui la procura distrettuale antimafia di Napoli che vuole fare chiarezza sull’appalto del Viminale per la sicurezza della città, vinto da una ditta del gruppo Finmeccanica ma molto attiva in Abruzzo, la Elsag Datamat spa. Da questo filone sarebbero nate le accuse al neo prefetto dell’Aquila Giovanna Iurato, all’epoca responsabile della gara d’appalto per il ministero degli interni.

Oltre Napoli indagano anche la procura di L’Aquila e quella di Avezzano.

LA LETTERA DELLA DIPENDENTE SI SELEX

Ma l’articolo di Repubblica contiene dettagli molto importanti perché da alcune perquisizioni avvenute nel mese di agosto la Squadra mobile di Pescara avrebbe trovato all’interno della sede della Selex di Chieti Scalo anche una lettera di una dipendente ritenuto un documento chiave.

Nella lettera indirizzata ad Alessandro Pansa, condirettore generale del gruppo Finmeccanica, si parla di fatture false e di fondi stornati dalla Selex.

Sempre secondo Repubblica la lettera avrebbe questi toni:«Egregio dottor Pansa, l´ingegner Sabatino Stornelli (amministratore della Selex Management ed indagato all´Aquila, ndr) ha distratto cinque milioni e cinquecento mila euro dall´azienda per la gestione della società di calcio Valle del Giovenco, con la complicità del dottor Angelini e dell´ingegner Carlini. Emettevano fatture false per operazioni inesistenti alla Eldim Security che poi provvedeva a sponsorizzare la società suddetta, ciò suffragato dal fatto che dopo le dimissioni dell´ingegner Stornelli (da presidente della squadra di calcio, ndr) gli succedeva il signor Francesco Paolo Di Martino, amministratore della Eldim Security srl. Altre fatture false, cioè senza che i lavori siano stati eseguiti, sono state emesse dalla Sedim spa per un importo di quattro milioni di euro per scopi personali (...) Mi rivolgo a lei, prima di recarmi alla Procura della Repubblica, per fare pulizia (...) e rimettere le cose in ordine. Preferisco che le cose rimangano nel gruppo senza sollevare polveroni (...) Se ciò non dovesse avvenire sarò costretto a rivolgermi alla magistratura».

La dipendente è stata anche interrogata ed avrebbe confermato quanto scritto. Argomenti questi che interessano anche la procura di Napoli che indaga sulla Finmeccanica partendo proprio dall’appalto alla Elsag Datamat e che è giunta in Abruzzo passando dalla Selex di Stornelli ma anche per Francesco Paolo Di Martino che è di Castellammare ed è stato presidente della Valle del giovenco dopo Stornelli. Dall’esame della contabilità della Selex ma anche della Auxilium Tech srl, amministrata casualmente da un altro presidente della Vdg, Luca Mastroianni, sarebbero saltate fuori fatture false e false sponsorizzazioni alla squadra di calcio con lo scopo di creare fondi neri per pagare tangenti.

Ora si attendono sviluppi sui diversi fronti di indagine.

La situazione è molto seria, come si poteva agevolmente sospettare. Se questi sono i presupposti dell’azione della Selex, socio privato di Abruzzo Engineering, ci si domanda ora cosa potrà mai essere avvenuto nelle segrete stanze di Ae.

Lo stesso Chiodi nel consiglio regionale straordinario aveva denunciato operazioni truffaldine della Selex, operazioni di cui non si sa più nulla e sulle quali la politica sembra avere molta paura.

Ma gli investigatori ne sono convinti: le fatture sono false ed i fondi neri esistono e c’è la possibilità che tangenti siano state pagate. Per ottenere quali vantaggi? A danno di chi?

Operazioni che si spalmano negli anni dai tempi della presidenza di Lamberto Quarta fino a lambire l’era Chiodi. La politica sembra aver già dimenticato la questione Abruzzo Engineering e pare vi sia l’intenzione di guardare altrove, sarà dunque ancora una volta la magistratura a spiegare cosa è successo in questi anni in quella società e per quale ragione il bilancio è in profondo rosso.

Ae deve ancora 20 milioni di euro alla Selex.

a.b. 26/10/2010 8.43  

 


* TUTTO SU ABRUZZO ENGINEERING AI TEMPI DI CHIODI