Lavoro, Cgil pessimista: «nessuna prospettiva di miglioramento nel teramano»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

788

ABRUZZO. I dati relativi agli ammortizzatori sociali gennaio – dicembre 2011 rapportati a pari periodo 2010 confermano, pur con lieve diminuzione «il massacro sociale» che continua ad imperversare in quasi tutti i settori produttivi del teramano.


9.291.261 ore. In tre anni oltre 30 milioni di ore. Migliaia di lavoratori a 750 euro mensili, denuncia il segretario provinciale Cgil Giampaolo Di Odoardo: «centinaia di aziende di fatto chiuse, altre in grandissima sofferenza, famiglie al di sotto della soglia di povertà, operai e ceto medio ormai accomunati da una stessa sorte. I nostri tavoli sindacali sono pieni di lettere di aperture di nuove procedure di riduzioni di personale e/o di nuovi licenziamenti».
Per i disoccupati e gli inoccupati, che già erano tali all’inizio della crisi, nessuna prospettiva. «Cresce soltanto il precariato selvaggio ed il numero degli infortuni», continua il segretario provinciale.
«La disoccupazione e/o la non inoccupazione giovanile oltre il 30%. Nessun intervento per lo sviluppo e nessuna misura di contrasto: solo nuove tasse e nuovi aumenti a cui non si sa come far fronte. Si può continuare a dire che la crisi è nazionale, europea, mondiale, si può aggiungere che è interplanetaria, se si vuole, se questo può essere un elemento giustificatorio e consolante per le Istituzioni».
Di Odoardo chiede dove sia finito l’incontro con il Governo per il protocollo d’intesa Vibrata – Tronto, Ascoli – Teramo, Abruzzo – Marche: «dov’è la convocazione dell’osservatorio provinciale per l’economia? O la Provincia vuole continuare a dimostrare di essere un Ente inutile come tanti dicono? In oltre due anni una sola riunione. I dov’è potrebbero continuare in un elenco lunghissimo. Sono cose, e misure e atti che si potrebbero mettere in campo, anzi che si sarebbero dovute mettere in campo da tempo. Con facilità. Noi difendiamo il ruolo delle Istituzioni e della politica come fondamento della democrazia».

10/01/2012 12:46