Ecosfera, la nuova inchiesta sulla corruzione, le coincidenze e le assunzioni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9627

Ecosfera, la nuova inchiesta sulla corruzione, le coincidenze e le assunzioni
ABRUZZO. E dopo le notizie su una maxi inchiesta della procura de L’Aquila su una serie di fatti corruttivi e appalti truccati con al centro la ditta Ecosfera, ora qualcuno ricorda e ne parla.*TUTTI I PROGETTI DI ECOSFERA IN ABRUZZO

Accade sempre così specie in occasione dei cosiddetti arresti eccellenti: quando scattano le manette tutti ne parlano e “sapevano”. Delle cose risapute nessuno però osa mai parlarne prima… Accade così con Ecosfera una società che dovrà fare i conti con un nuovo scandalo abruzzese che ha già messo scompiglio nei vertici regionali e in una parte della politica che con questo colosso nazionale si è confrontata e si confronta da anni. Nell’inchiesta partita da Pescara e finita poi per competenza a L’Aquila ci sono tutti i tratti distintivi e per nulla originali delle inchieste per corruzione degli ultimi anni: ci sono gli appalti truccati, ci sono dirigenti infedeli, c’è la politica border line, ci sono gli scambi di favore, le assunzioni di familiari e le consulenze al posto delle tangenti. Così sarebbe accaduto anche nel caso di Ecosfera secondo quanto trapela a fatica dalle indagini coordinate dal procuratore Rossini e dal sostituto Picardi. Per ora gli indagati noti sono la dirigente regionale Giovanna Andreola e l’ex braccio destro del governatore Del Turco, Lamberto Quarta.

L’indagine sarebbe nata da una ricognizione della finanza alla fine dell’inchiesta Sanitopoli che registrava una consulenza di Quarta con la ditta ecosfera meno di sei mesi dopo il suo arresto. Una cosa troppo particolare per non scandagliare, un errore forse troppo grosso. C’era però l’esigenza di ritornare in campo dopo gli arresti e di un paracadute che Quarta ha pensato così di trovare.

La ditta di Duilio Gruttadauria -che al suo interno aveva nel 2008 anche un consigliere di amministrazione di Avezzano (Attilio Mascioli)- è praticamente onnipresente nella nostra regione fin dalla fine degli anni ’90 ma pare vi sia stato un notevole incremento durante i tre anni del mandato di Del Turco. Nella regione nessuno ha mai messo in relazione il fatto che lo stesso Gruttadauria venne nel 2005 per lanciare la candidatura di Lamberto Quarta allora Rosa nel Pugno, segno di un legame stretto e consolidato già da tempo. Nessuno nemmeno aveva mai ricordato che proprio la Ecosfera continuava a macinare affidamenti diretti e non in Abruzzo.

Una crescita esponenziale se nei primi anni del 2000 il bilancio era di pochissime centinaia di migliaia di euro. Ecosfera ha fatto un po’ di tutto in Abruzzo e lavorato soprattutto per le amministrazioni pubbliche: ci sono il Comune di Pescara e quello di Teramo e Atessa ma poi soprattutto Regione.

Per ora sarebbero un paio gli appalti attenzionati dagli investigatori e tra questi ci sarebbe anche quello girato ad Ecosfera dall’Oics, un’organizzazione senza scopo di lucro i cui soci finanziatori sono Regioni e Province autonome. Questo organismo si è occupato di gestire la gara per il programma di cooperazione internazionale Ipa Adriatico 2007-2013 vinto da Ecosfera.

Crediamo sia utile riportare oggi l’intero elenco delle opere commissionate dagli enti pubblici abruzzesi a questa società che ora si trova sotto la lente di ingrandimento della procura e ritenuta collettore di tangenti, seppure in forma di “utilità” come le consulenze fittizie. Sarebbe utile che la politica si facesse carico di verificare l’utilità reale di quegli affidamenti di incarichi di progettazione per opere che non hanno mai visto la luce del sole.

Le notizie di ieri hanno rinfrescato la memoria anche ad Antonio Perrotti, ex dirigente del Servizio Urbanistica dell’Assessorato Urbanistica Beni Ambientali e Parchi della Regione che non pare tenero. La sua versione e visione è di sicuro interessante in quanto per anni dipendente di alto livello proprio della Regione.

«Con la società Ecosfera la partitocrazia ha sottratto le decisioni più delicate alle strutture ordinarie della Regione ed ha esternato la gestione con le conseguenti assunzioni», ha detto Perrotti, «un esempio della strana attività di Esosfera ce l’abbiamo proprio in campo immobiliare: questa società si è occupata nel territorio regionale di varie progettazioni a fini immobiliari tra cui quelle della Società di Trasformazione Urbana del Porto di Ortona. E’ lì che ha delineato tutta una serie di infrastrutture con annessa lottizzazione turistica a nord del porto in zona A1 del Piano Paesistico e in forte erosione. Ha assunto in maniera trasversale i figli della partitocrazia regionale correlandosi sempre più strettamente alla burocrazia regionale e ai suoi meccanismi di assecondamento. Eclatante è in tal senso», dice ancora Perrotti, «la vicenda del nuovo Piano Paesistico Regionale che poteva essere elaborato all’interno della Regione (proposta che feci proprio io in sede di Comitato di direzione del Settore Urbanistica e Parchi) e che invece fu affidato, per un costo di circa 1.350.000 euro alla ”imperante” Ecosfera”».

Secondo l’ex dirigente Ecosfera sarebbe in una posizione di conflitto di interesse in quanto potendo redigere il Piano Paesistico potrebbe in qualche modo avvantaggiarsi in quelle zone in cui ha concorso a progettare operazioni immobiliari in deroga agli strumenti urbanistici.

«Bisogna poi aggiungere che i consulenti eccellenti da questa incaricati per il Nuovo Piano Regionale Paesistico», aggiunge Perrotti, «sono gli stessi di quelli che stanno portando avanti da anni la nuova Legge Urbanistica tesa a liberalizzare metodi e forme di intervento nel territorio. Non va dimenticato che gli interlocutori interni sono sempre gli stessi come l’architetto Antonio Sorgi che in quegli anni era dirigente ad Ortona ed ha redatto lo stesso Piano Regolatore di tale comune… che poi è stato approvato dalla Regione dove nel frattempo era stato richiamato Sorgi. Sarebbe il caso di approfondire e indagare più a fondo».

04/01/2012 16:07

* L'ARTICOLO DI IERI SULL'INCHIESTA

[pagebreak]

 

TUTTI I PROGETTI DI ECOSFERA IN ABRUZZO
Progetto: Valutazione in itinere Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico 2007/2013 
Committente: Osservatorio Interregionale sulla Cooperazione allo Sviluppo (OICS)
Area di competenza:
PROGRAMMI COMUNITARI
Inizio:2011
Fine:In corso


Progetto: Affidamento in concessione per la progettazione e gestione di un parco fotovoltaico della potenza di 3,3 MW. (In ATI) 
Committente:Comune di Atessa (CH)
Inizio: 2009
Fine: 2010

Progetto: Realizzazione di un impianto fotovoltaico di Kw 19 nel Comune di Penna di Sant'Andrea (TE) 
Committente:Comune di Penna S.Andrea (TE)
Inizio:2010
Fine:2010

Progetto:Redazione del Piano Strategico dei Comuni di Celano, Avezzano e dell'area vasta di riferimento 
Committente: Comuni di Celano e Avezzano
Inizio:2009
Fine:2009


Progetto: Attuazione del Documento Unico di Programmazione Obiettivo 2 Abruzzo 2000/2006. 
Committente: Regione Abruzzo
Inizio:2003
Fine:2009

Progetto:Progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici per la produzione di calore a bassa temperatura, con la formula del finanziamento tramite terzi. (In ATI, Ecosfera capofila) 
Committente: Comune di Atessa (CH)
Inizio: 2008
Fine: 2009


Progetto: Progettazione, fornitura, installazione e manutenzione di impianti solari termici con la formula del finanziamento tramite terzi per edifici scolastici, palestra e piscina comunale (lavori di manutenzione per sette anni). (In ATI, Ecosfera capofila) 
Committente: Comune di Teramo
Inizio:2008
Fine: 2009

Progetto: Redazione del Piano Regolatore Portuale della Città di Pescara: gli aspetti socio-economici 
Committente: Comune di Pescara
Inizio: 2008
Fine: 2008

Progetto: Aggiornamento e redazione del Piano Paesaggistico Regionale attraverso l'utilizzo delle tecnoclogie GIS 
Committente: Regione Abruzzo
Inizio:2006
Fine: 2008

Progetto: Attuazione del Programma Operativo Regionale Obiettivo 3 2000/2006. 
Committente: Regione Abruzzo
Inizio:2002
Fine:2008

Progetto: Realizzazione di una piattaforma strategica e assistenza tecnica nella fase di attuazione. 
Committente: Regione Abruzzo
Inizio: 2006
Fine:2006

Progetto:Programma "Contratti di Quartiere II" - Castel di Sangro (AQ) 
Committente: Comune di Castel di Sangro
Stazione appaltante: Comune di Castel di Sangro
Inizio:2005
Fine:2006

Progetto: Nuovo Campus Universitario di Pescara 
Committente:Università degli Studi "Gabriele D'Annunzio" di Chieti e Pescara
Stazione appaltante: Università degli Studi
Inizio:2005
Fine:2006

Progetto: Costituzione di una S.T.U. - Comune di Ortona. 
Committente:Comune di Ortona (CH)
Inizio: 2005
Fine: 2005

Progetto: Programma Contratto di Quartiere II - Castel di Sangro (AQ) 
Committente: Privati
Inizio:2004
Fine:2004

Progetto:Sensitività e analisi di rischio in relazione alla costruzione di un parcheggio multipiano a Pescara. 
Committente:Privati
Inizio:2004
Fine:2004

Progetto:Coordinamento dei PRUSST della Regione Abruzzo e Assistenza tecnica al PRUSST "La città lineare della costa". 
Committente:Regione Abruzzo
Inizio:2003
Fine:2003

Progetto: Attuazione del PRUSST “La città diffusa dei Parchi”. 
Committente:Regione Abruzzo
Inizio:2002
Fine:2003

Progetto:Attuazione del Piano di Sviluppo Socio Economico (PSSE) della Comunità Montana Maielletta 
Committente:Comunità Montana della Maielletta (CH)
Inizio:2003
Fine:2003

Progetto:Valutazione del Programma Operativo Plurifondo 1994/1996. 
Committente:Regione Abruzzo
Inizio: 1998
Fine: 2001

Progetto:Riqualificazione urbana dell'area di risulta della Stazione di Pescara. (In ATI, Ecosfera capogruppo) 
Committente:Regione Abruzzo
Inizio:2001
Fine:2001

Progetto:Progetto per la realizzazione di un sistema innovativo filoviario della Val Vibrata - tratta Tortoreto Lido - Alba Adriatica - Martinsicuro e Alba Adriatica - Nereto - S. Egidio V. (In ATI, Ecosfera capogruppo). 
Committente:Regione Abruzzo
Inizio:2001
Fine:2001