Scuola, in arrivo 13 milioni di euro per gli istituti abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

794

ABRUZZO. Presentata un'ordinanza per un servizio scolastico di qualità.

Oggi sono stati presentati gli obiettivi e le modalità di spesa degli 8,5 milioni di euro stanziati per le scuole abruzzesi dall'Ordinanza dell'11 novembre 2011.

Tra le finalità principali: manutenzione dei moduli a uso scolastico provvisorio (Musp) realizzati dopo il terremoto del 6 aprile 2009; mantenimento del tempo pieno nella scuola primaria e del tempo prolungato nella scuola secondaria di primo grado; ampliamento dell'offerta formativa; incremento dell'attuale organico per garantire la vigilanza e la sicurezza nelle scuole di ogni ordine e grado. Le misure sono necessarie per assicurare lo svolgimento dell’anno scolastico in corso e l’avvio di quello 2012-2013.
L'arrivo del cospicuo contributo è stato annunciato dal direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, Giovanna Boda e dal presidente della regione e Commissario delegato alla ricostruzione Gianni Chiodi, in una conferenza stampa che si è svolta nella biblioteca del Musp che ospita la scuola primaria Giovanni XXIII, dislocato sulla strada statale 80 in località Casermette. Oltre all'importante annuncio, il direttore generale, insediatasi in Abruzzo nel luglio scorso, ha stilato il bilancio sull'attività svolta finora.
«Oggi è una giornata importante per la scuola abruzzese – ha commentato il presidente Boda - grazie alla collaborazione di tutte le istituzioni coinvolte siamo riusciti a raggiungere obiettivi strategici per la nostra comunità scolastica e a soddisfare le legittime richieste degli operatori scolastici, degli studenti e delle loro famiglie. Questi risultati dimostrano che l'unità e la coesione delle istituzioni a favore della scuola sono fondamentali per garantire a tutti un servizio scolastico di qualità».
«Tali interventi - ha aggiunto Chiodi - vanno a sottolineare, ancora una volta, l'importanza che vogliamo dare alla scuola per la sua funzione di crescita e di formazione. Stiamo parlando di circa 13 milioni di euro come interventi complessivi previsti per migliorare l'istruzione in Abruzzo. Il futuro di questa regione passa necessariamente dallo sviluppo culturale. Ecco perché intendiamo garantire un innalzamento della qualità dell'offerta formativa e un miglioramento del servizio scolastico. Per L'Aquila una priorità è la manutenzione dei Musp per affrontare e risolvere le problematiche segnalate. Investire nell'istruzione contribuisce alla crescita partendo proprio dalla prevenzione e dal benessere dei nostri studenti e delle future generazioni. E' tempo di aprire un 'cantiere' che offra opportunità ai docenti, ai genitori e, soprattutto, ai ragazzi. Sono soprattutto loro, i ragazzi, il nostro futuro con i loro sogni da costruire e le loro speranze». «E' apprezzabile dunque, - ha concluso il governatore - questo rapporto di collaborazione interistituzionale che siamo riusciti a creare, uno sforzo comune, che permette a tutti i soggetti che operano a diverso titolo, di partecipare ad una lettura condivisa dei bisogni del territorio e di essere di supporto per difendere le proprie specificità».
Tornando al finanziamento di 8,5 milioni di euro, per la gestione delle risorse sarà costituito un comitato di garanzia coordinato dall'Ufficio scolastico regionale e composto da rappresentanti della scuola, delle autonomie locali, delle forze sociali e delle consulte degli studenti al fine di assicurare la massima trasparenza ed efficacia nella gestione delle risorse.
La Prefettura d'intesa con l’Ufficio scolastico regionale e le altre autorità locali (Comune, Provincia e Provveditorato alle opere pubbliche) ha avviato il monitoraggio dei Musp, rilevando le criticità che già erano state segnalate dagli stessi dirigenti scolastici, così da poterle affrontare e risolvere.
Tra le altre iniziative di rilievo, da segnalare il progetto "Scuole Aperte", attivato in collaborazione tra l'ufficio scolastico regionale e il Comune dell'Aquila, che ha l'obiettivo di realizzare, d'intesa con le Istituzioni scolastiche, attività in orario pomeridiano per favorire l'incontro e lo scambio dei giovani.
Inoltre va segnalata l'integrazione di 2,5 milioni di euro, proveniente dall'Opcm dell'11 novembre 2011 numero 3979, del cosiddetto provvedimento "salva-precari" che prevedeva già 4,65 milioni di euro messi a disposizione ad agosto 2011 attraverso un protocollo d'intesa tra il Ministero dell'Istruzione e la Regione Abruzzo.

20/12/2011 15:43