Sicurezza urbana:furti e scippi preoccupano gli abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1606

ABRUZZO. Il reato più temuto dagli abruzzesi è il furto nelle abitazioni, seguito dai timori di subire scippi e borseggi.

LADROABRUZZO. Il reato più temuto dagli abruzzesi è il furto nelle abitazioni, seguito dai timori di subire scippi e borseggi.

 

Mentre in cima alle preoccupazioni delle donne c'è la preoccupazione di subire violenza sessuale. Nelle province di Pescara e Teramo c'è chi prende precauzioni quando cammina in zone al buio. E' il risultato di una indagine multiscopo condotta dall'Istat su un campione di 6000 famiglie abruzzesi, sulla percezione della sicurezza urbana nei luoghi di residenza, finalizzata a definire linee guida per migliorare le condizioni di sicurezza dei cittadini. Nella indagine risulta anche evidente che, rispetto alla media nazionale, la popolazione abruzzese percepisce meno il rischio della criminalità ma chiede un controllo più frequente delle strade, per i reati legati alla violenza sessuale e allo spaccio di droghe.

«In Abruzzo - spiega l'assessore alla Sicurezza urbana, Carlo Masci - c'è una sostanziale convergenza tra dati Istat e dati del ministero dell'Interno sui fenomeni legati alla sicurezza, dai quali si evince, per esempio, la diminuzione delle lesioni dolose e dei furti a fronte di un preoccupante aumento di atti di violenza sessuale, spesso qualificati dalla minore età delle vittime. La Regione - prosegue l'Assessore - può intervenire a garantire migliori condizioni di vita a cittadini e imprese su due livelli».

 Da un lato attraverso il rafforzamento delle dotazioni strumentali e professionali della polizia locale e di altri soggetti pubblici e privati, dall'altro promuovendo la legalità, nonché la diffusione e la divulgazione della sua cultura.

«Sul piano degli strumenti che rafforzano i valori di legalità e di convivenza civile, con l'intenzione di favorire soprattutto i giovani l'affermarsi di una cittadinanza attiva e partecipe - ha aggiunto Masci - la Regione ha aderito al Forum italiano per la sicurezza» che, organizzerà, dal 18 al 23 ottobre, l'evento "100 città per la sicurezza".

Il calendario dei lavori si aprirà con un convegno al Museo delle genti d'Abruzzo di Pescara, a partire dal giorno 18, dove verrà proiettato il docufilm "La paura si-cura" del regista Gabriele Vacis. Al convegno è prevista la partecipazione, tra gli altri, del procuratore della Repubblica, Nicola Trifuoggi. Altre iniziative, fino al 23, si svolgeranno in altre 15 città abruzzesi, ospitate da enti pubblici e istituti scolastici. «Nella strategia regionale - ha concluso l'assessore Masci - non si guarda alla sicurezza urbana soltanto in termini di repressione dei reati ma soprattutto sul piano della qualità urbana e sociale».

 Nell'ambito delle iniziative regionali per promuovere la legalità e la sicurezza è inserita la celebrazione della giornata della legalità.

08/10/2010 10.08