Cgil Chieti Fiom. In piazza contro manovra e accordi di Pomigliano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1260

CHIETI. «I lavoratori incroceranno le braccia contro la manovra economica e l’accordo di Pomigliano».

Ad annunciare lo sciopero di 8 ore  di lunedì 12 dicembre è la Cgil Chieti Fiom. Il sindacato, unico escluso (forse per le sue posizioni intransigenti) dalla trattativa Fiat con Fim-Cisl, Uilm-Uil e consociati, ribadisce il suo no all’accordo che avrà effetti anche alla Sevel.

«Le regole imposte dalla Fiat», secondo Fiom, «violano apertamente i diritti dei lavoratori costringendoli a turnazioni più lunghe (fino a 18 turni), 120 ore di straordinario comandato, allo spostamento della mensa a fine turno con la possibilità di cancellarla e renderla mezz’ora di straordinario, al taglio di 10 minuti delle pause, a penalizzazioni per i malati (per contrastare assenteismo astensioni collettive dal lavoro, manifestazioni esterne, è prevista la non copertura retributiva), all’instaurazione di sanzioni per coloro che dovessero attuare delle proteste».

Anche i rappresentanti dei lavoratori saranno indicati dal “sindacato firmatario” esterno alla fabbrica e non potranno essere scelti liberamente. A tutto questo, poi, si aggiunge la manovra economica messa in piedi dal neonato governo Monti «che colpisce i lavoratori da ogni punto di vista: sul versante previdenziale, fiscale, dell'aumento dell'imposizione territoriale e dell'Iva». Secondo Fiom è sempre l’anello più debole della catena, i lavoratori, appunto, a pagare lo scotto.

«L'età di pensionamento a 70 anni e la cancellazione dei 40 anni di contribuzione» dice, «sono una vergognosa assurdità, per poter far pagare il prezzo della crisi ai soliti noti, ovvero agli operai, agli impiegati, agli insegnanti, a tutti coloro che hanno sudato una vita per pagarsi i contributi previdenziali». Misure più morbide, secondo il sindacato, sono invece previste per le imprese (la cancellazione dell'Irap che andava a finanziare per il 40% la sanità regionale rappresenta un regalo a loro esclusivo favore).

09/12/2011 09:26