Ritardi alle Poste, a dicembre sciopero nazionale dei dipendenti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1912

PESCARA. I segretari della Regione Abruzzo Cisl-slp, Uilposte, Confsal, Ugl denunciano la difficile situazione esistente in Poste Italiane in particolare nella realtà della Regione Abruzzo.

Sono all’ordine del giorno i continui disservizi che producono forte malcontento nei confronti clientela e dei lavoratori postali consapevoli, non per causa loro, della cattiva qualità del servizio erogato. Secondo i sindacati la qualità è scesa perché l’azienda tende al «costante risparmio sui costi», «non sostituisce il titolare portalettere assente per ferie o per altri motivi» e quindi la posta rimane giacente nei vari centri di distribuzione.

Si pretende poi, sostengono sempre i sindacati, che lo stesso portalettere al suo rientro smaltisca in giornata tutta la posta accumulata. «La corsa giornaliera del portalettere è estenuante, si esce tardi per la consegna alla clientela, la sicurezza dei mezzi è precaria e l’aumento degli infortuni sul lavoro sono la naturale conseguenza». «Negli Uffici Postali», protestano ancora le sigle sindacali, «il personale viene vessato continuamente e sottoposto a stress lavorativo per le forti pressioni sulle vendite nonché chiamati a continui corsi di aggiornamento al di fuori dell’orario d’obbligo, ed in ultimo, vi è il progetto di chiudere gli Uffici Postali ritenuti diseconomici». Poste Italiane ha raggiunto per l’ottavo anno consecutivo un utile di bilancio «ma i benefici sono stati ripartiti solo tra i manager che hanno intascato premi che equivalgono a circa dieci anni di stipendio di un postale, al quale gli viene anche tolto una parte del premio di risultato del 2010 circa 220,00 medie e non si vuole rinnovare tale premio per il triennio 2011-2013».

Tutti questi motivi hanno indotto le quattro sigle sindacali Cisl Slp, Uilposte, Confsal e Uglcom ad indire nel mese di dicembre uno sciopero nazionale di tutte le prestazioni straordinarie ed aggiuntive al normale orario di lavoro, con la sola eccezione del giorno 16 dicembre 2011 per la scadenza pagamento Ici.

 30/11/2011 08:09