Regione, valutazione del personale: arrivano gli incentivi solo sui risultati misurabili

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2386

ABRUZZO. La Giunta regionale ha approvato la delibera che introduce l'attuazione dei criteri per la valutazione dei direttori, dei dirigenti, dei responsabili d'ufficio e del personale regionale.

«E' un importante passo avanti – spiega l'assessore Federica Carpineta – che, già dal prossimo anno, consentirà di cambiare registro». I direttori e i dirigenti verranno pesati e premiati sulla base di una valutazione rigorosa, che terrà conto sia degli obiettivi raggiunti sia delle capacità manageriali dimostrate nel conseguirli. Entro la fine del corrente anno verranno adottati i provvedimenti specifici che indicheranno ai rispettivi direttori gli obiettivi fissati dai singoli componenti la Giunta Regionale.

I direttori, a loro volta, calibreranno gli obiettivi che i responsabili dei servizi loro assegnati dovranno conseguire. Sulla base degli obiettivi assegnati, la valutazione dei singoli avverrà a cascata: cioè l'Organo di indirizzo politico, su proposta dell'OIV (Organismo Indipendente di Valutazione) valuterà i singoli Direttori. Questi, sempre su proposta dell'OIV, valuteranno i singoli dirigenti e questi ultimi dovranno valutare sia i responsabili degli uffici sia i dipendenti loro sottoposti.

«La prospettiva che abbiamo davanti», ha spiegato ancora Carpineta, «è quella che vedrà la valutazione delle attività svolte nell'anno 2012 capace di consentire, nel 2013, l'erogazione di incentivi economici, di risultato e di produttività, basati sui risultati effettivamente misurati per ogni singolo soggetto. Non credo che avremo lo sconfortante scenario del dare tutto a tutti. Parlavo di passo avanti – aggiunge l'assessore Carpineta – in quanto si tratta di dare concreta attuazione a percorsi già individuati dalle normative nazionali e regionali». Secondo l’assessore adesso si ha in mano uno strumento efficace che porterà maggior efficienza nella macchina burocratica della Giunta Regionale ed «eviterà la frustrazione dei direttori, dei dirigenti, dei responsabili di servizio e dei dipendenti che, da anni, si vedono sempre messi tutti insieme allo stesso livello di valutazione e di premialità».

L'applicazione di questo sistema - conclude l'assessore Carpineta – «consentirà un evidente risparmio di spesa, perché non sarà oggettivamente possibile dare il massimo a tutti. Questi risparmi verranno utilizzati per incentivare ulteriormente i percorsi di qualificazione del personale. Così avremo una burocrazia sempre più moderna, più vicina ai Cittadini e più omogenea con i migliori standard aziendali che sono spesso il metro di paragone sia di chi agita polemiche sia soprattutto di chi disegna la macchina amministrativa del futuro».

29/11/2011 15:01