Il mondo del turismo si ritrova ad Ecotur: le buone intenzioni dell’Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1202

Il mondo del turismo si ritrova ad Ecotur: le buone intenzioni dell’Abruzzo
MONTESILVANO. Oltre cento buyers internazionali della domanda provenienti da 22 paesi in rappresentanza di 4 continenti, 200 espositori provenienti da quasi tutte le regioni italiane, 3 Enti del Turismo Estero e circa 1000 operatori italiani dell'offerta in rappresentanza di tutte e 20 le Regioni italiane. Questi i dati salienti della XVII edizione di Ecotur, la Borsa Internazionale del Turismo-Natura, inaugurata oggi a Montesilvano.
Ad aprire gli interventi, è stata Lorella de Luca, Direttore Generale della Società “IN Fiera”, organizzatrice dell'evento, la quale, nel prendere la parola ha ricordato come Ecotur abbia raggiunto traguardi quasi impensabili, posizionandosi nell'elite delle fiere turistiche nazionali ed europee.
« Ecotur», ha detto Giammarino dell'Aptr, «è nata quando il turismo natura era un sogno di pochi, offrendo, in tempi non sospetti, una borsa di prodotto con il compito di promuovere e commercializzare l'ecoturismo. Il successo del Turismo Natura risiedeva e risiede nella capacità di questi territori di produrre reddito, sostenendo lo sviluppo locale e alimentando un sistema di imprese endogene. In un mercato saturo di eventi fieristici, Ecotur si segnala per essere da 17 anni una borsa di grande spessore soprattutto sul piano della sua autonomia ed indipendenza, perché da sempre appartenuta alla sfera dei privati e fortemente voluta dagli operatori, in un contesto di grande concentrazione di borse turistiche».
Una situazione che non fa tuttavia venir meno il ruolo svolto dalle istituzioni che «rappresentano la sintesi di un lavoro che coinvolge pubblico e privato».
Non poteva mancare nell'intervento di Giammarino il riferimento all'Enit: «se abbiamo avuto successo sul mercato internazionale lo si deve anche alla qualità della collaborazione con l'Enit, avviata fin dal primo anno».
Appassionato l'intervento del Direttore Generale dell'Enit, Eugenio Magnani.
«Il mondo dei viaggi», ha detto, «e non del turismo, è un mondo di emozioni perché senza emozioni non si viaggia. Promuovere il turismo in Italia significa quindi fare costantemente riferimento alle emozioni che soltanto il territorio e la gente che lo abita sa infondere nel viaggiatore. Sensazioni che, probabilmente, in nessuna altra Regione italiana, come in Abruzzo si possono cogliere. Qui, infatti, c'è quella genuinità e quella semplicità che diventano essi stessi prodotti turistici».
Il Direttore Generale dell'Enit ha poi accennato al prossimo incontro che si terrà sempre a Montesilvano la prossima settimana e che vedrà protagonisti 250 agenti di viaggio statunitensi che verranno per scoprire il nostro Paese nelle sue diverse componenti geografiche e di prodotto.
Giuseppe De Dominicis, Presidente dell'Unione Province abruzzesi, ha invece evidenziato il grande lavoro che la Regione sta facendo per promuoversi e i cui risultati, emersi nel rapporto BitLab, presentato nel corso della recente BIT, pongono l'Abruzzo all'avanguardia, come appeal, nel turismo nazionale.
Il Presidente di Fiavet Abruzzo, anche qualità di membro del Consiglio di Amministrazione della Società “INFiera”, Quinto Ippoliti ha, da parte sua, fatto notare come la manifestazione, nata quasi in sordina, sia oggi inserita a pieno titolo nel circuito delle massime fiere borsistiche nazionali.
«E' questa una edizione speciale per Ecotur», ha detto Enrico Paolini assessore al turismo, «almeno per due motivi. Il primo perché, per la prima volta dalla sua nascita, la manifestazione si presenta senza il suo capo storico, che accettando la carica di Presidente dell'Aptr d'Abruzzo, scelta né facile né comoda, ha avuto il coraggio di rinunciare ad un ruolo che lo ha visto protagonista per tanti anni. Il secondo perché alla Bit di Milano, a nostra insaputa e sovvertendo ogni logica, l'Abruzzo e l'ecoturismo sono assurti a protagonisti principali del turismo nazionale, ponendosi, secondo la stampa straniera, ai vertici di gradimento».
4/13/2007