Interreg: studiosi abruzzesi nei Balcani contro infertilità

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1235

ABRUZZO. Ancora una missione internazionale per il progetto "Futuro Donna", promosso dalla Regione Abruzzo e teso a contrastare l'infertilità di coppia nei Balcani, dove questa patrologia costituisce una vera e propria emergenza. La Regione, capofila dell'iniziativa, ha organizzato, per oggi, incontri e seminari a Sarajevo.
Alla due giorni parteciperanno i nove partner di "Futuro Donna", tra cui molti operatori del settore, che potranno confrontarsi con medici e accademici di fama internazionale.
L'iniziativa coinvolge i territori di Croazia, Serbia Montenegro, Bosnia Erzegovina ed Albania.
In particolare, saranno prese esaminate le modificazioni psicologiche che determinano l'infertilità di coppia, tra cui lo stress, e le tecniche chirurgiche laparoscopiche come rimedio alla problematica.
«Con il progetto comunitario la Regione conferma la politica mirata ad esportare now how e cultura nel campo della sanità per favorire la cooperazione e l'integrazione con Paesi meno evoluti – ha detto l'assessore alla Sanità Bernardo Mazzocca -, vogliamo continuare in questo senso mettendo in campo altri progetti. Il percorso avviato con 'Futuro Donna' è completato dall'approvazione, da parte del Comitato congiunto di pilotaggio, di altri due progetti Interreg III A in campo sanitario: uno di continuazione di 'Futuro Donna', l'altro teso alla cooperazione nel settore del sangue».
A guidare la delegazione italiana è il direttore della Cattedra di ginecologia endocrinologica della Facoltà di medicina e chirurgia dell'Università dell'Aquila, professor Giulio Mascaretti, che è anche coordinatore del progetto. Il centro aquilano è all'avanguardia nazionale ed internazionale per questo tipo di patologia. Nel gruppo di lavoro c'è il professor Luca Gianaroli, presidente della Società italiana della riproduzione.
Si tratta della terza tappa nei Balcani: tra le azioni del progetto, la promozione di corsi, seminari e meeting, organizzati anche presso l'università dell'Aquila, per la discussione dei casi e per l'aggiornamento continuo degli esperti e del personale.

02/03/2007 19.40