Firmata intesa per la gestione dei rifiuti sanitari

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

947

ABRUZZO. Un Protocollo d'intesa per la ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari. E' stato sottoscritto, questa mattina, a Pescara, nella sede dell'assessorato all'Ambiente, dalla Direzione Parchi Ambiente, Energia - Servizio di Gestione Rifiuti e dalla Direzione Sanita'- Servizio Ospedalità pubblica e privata lucrativa e non lucrativa.
Con l'intesa, da un lato, si intende attuare politiche comuni in seno alla Regione e, dall'altro, avviare una gestione sostenibile dei rifiuti sanitari da parte delle strutture sanitarie regionali.
«L'obiettivo della riduzione della produzione dei rifiuti e dell'avvio del riciclo dei materiali recuperabili anche nel settore della sanità» ha dichiarato l'assessore all'Ambiente, Franco Caramanico, «riveste un ruolo importante nell'ottica del miglioramento del sistema di gestione dei rifiuti».
Il raggiungimento di un'elevata protezione ambientale, una sensibile riduzione delle quantità di rifiuti da avviare allo smaltimento attraverso il recupero, il riciclaggio e la sterilizzazione dei rifiuti sanitari a solo rischio infettivo ed una specifica attenzione alla prevenzione, alla raccolta differenziata dei materiali riciclabili ed ai costi di gestione dei rifiuti stessi, prodotti nelle diverse strutture sanitarie abruzzesi, rappresentano le finalità principali del protocollo.
Queste le buone intenzioni di chi ha immaginato questa operazione.
«Una sanità che punti all'economizzazione dei costi» ha commentato l'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca «deve guardare con attenzione anche alla gestione dei rifiuti sanitari. Peraltro, si tratta di un'azione che può contribuire alla riduzione complessiva della spesa sanitaria».
Un'applicazione concreta del protocollo la si potrà collegare, ad esempio, allo smaltimento delle lastre radiologiche che ha costi molto elevati.
L'accordo, che ha una durata triennale e che è stato materialmente sottoscritto dal direttore del settore Ambiente-Energia, Antonio Sorgi, e da Giampiero Di Cesare della direzione Sanità, prevede l'istituzione di un gruppo di lavoro che sarà coordinato da un esperto esterno, l'ingegner Franco Tavani.

08/02/2007 9.17