Opere pubbliche: i buoni propositi dell’assessore Srour

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

881



ABRUZZO. Riforma del sistema di rappresentanza del servizio idrico integrato («si passerà dagli attuali sei a quattro o forse un solo consiglio di amministrazione per la gestione delle risorse idriche») e maggiore attenzione agli investimenti per il patrimonio pubblico residenziale («gli alloggi pubblici devono servire realmente ai bisogni di chi non può permettersi una casa come gli anziani, gli studenti, le giovani coppie, i disoccupati, gli immigrati»): questi i buoni propositi per il 2007 enunciati dall'assessore ai lavori pubblici, Mimmo Srour, nel corso di una conferenza stampa convocata per illustrare quelle che saranno le priorità del suo assessorato per l'immediato futuro.
Accanto a questi importantissimi temi, Srour ha elencato gli altri interventi che lo terranno impegnato nel corso del nuovo anno quali i lavori per la messa in sicurezza del patrimonio edilizio scolastico (193 interventi per 29 milioni e 732 mila euro), asili nido (37 interventi per 3 milioni e 949 mila euro), edilizia di culto (59 interventi per 2 milioni e 260 mila euro in cofinanziamento con altri enti).
Parlando del bilancio regionale, Srour si è detto soddisfatto dei risultati ottenuti che «dimostrano una attenzione nuova e particolare nei confronti dei problemi reali degli abruzzesi come quello dell'alloggio, della distribuzione delle risorse idriche e del recupero dei centri storici».
Per raggiungere questi obiettivi, l'assessore ai lavori pubblici ha annunciato una stagione di riforme: «mi auguro che il 2007 sia un anno decisivo per dare agli abruzzesi un nuovo modello per il servizi idrici integrati: l'acqua è un servizio importante, che appartiene a tutti gli abruzzesi e che non può essere caricata di spese improprie».
Per quanto riguarda la casa, Srour ha detto che «è dovere di chi governa modificare l'attuale legislazione che inibisce gli investimenti, incentiva l'alienazione del patrimonio e non consente di dare la casa a chi ne ha veramente bisogno».

09/01/2007 11.25