"Generazione clima! Efficienti per natura", l’iniziativa del Wwf

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2880

ABRUZZO. Sabato 2 e domenica 3 dicembre il WWF sarà in circa 180 piazze italiane con “Generazione Clima”, una iniziativa di sensibilizzazione che si propone di fornire ai cittadini informazioni e consigli pratici su come rendere efficiente le proprie case. A livello regionale l’evento ha ottenuto il patrocinio dell’Assessorato all’ambiente della Provincia de L’Aquila e dell’Agena, Agenzia Energia e Ambiente della Provincia di Teramo.
PERCHÉ “GENERAZIONE CLIMA”.

Generazione Clima nasce per far capire come i nostri consumi energetici hanno effetti negativi su tutto il Pianeta e per suggerire come risparmiare energia, nella convinzione che anche piccoli gesti possono fare la differenza.
Una delle principali cause dei cambiamenti climatici è l'accumulo nell'atmosfera di anidride carbonica e di altri gas ad effetto serra, determinato dall'enorme utilizzo di combustibili fossili quali petrolio, carbone e gas naturali impiegati in tutte le attività umane.
A ciò si aggiunge la distruzione delle foreste, veri e propri “accumulatori” di carbonio: per ogni ettaro di foresta bruciato, cresce la quantità di anidride carbonica liberata nell'aria, e con essa l'effetto serra.
A partire dalla rivoluzione industriale, la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera è passata da 280 parti per milione nella metà dell'Ottocento, ad oltre 380 parti per milione di oggi. Parallelamente si è verificato un graduale aumento della temperatura media. Secondo gli esperti gli 8 anni più caldi del ventesimo secolo sono tutti concentrati negli ultimi 15 anni e nel 2005 la temperatura media totale ha raggiunto un picco di 14,77°C.
Per questo motivo negli ultimi anni abbiamo assistito a fenomeni che hanno arrecato notevoli danni sia a livello economico che ambientale, come lo scioglimento dei ghiacci perenni, l'aumento del livello dei mari e conseguenti inondazioni, l'aumento della desertificazione, la perdita di terreni coltivabili, l'aumento di eventi atmosferici distruttivi.
Gli esperti affermano che il riscaldamento globale può alterare in modo sostanziale un terzo della superficie degli habitat entro la fine del secolo e portare all'estinzione, nei prossimi 50 anni, circa un milione di specie animali e vegetali.
Tutto questo ci riguarda. Ogni volta che facciamo un gesto semplice come accendere la luce di una camera, prendere la macchina per andare a lavoro o mettere in funzione la lavatrice contribuiamo all'immissione di anidride carbonica nell'atmosfera.
«Migliorare i nostri comportamenti è semplice», spiegano al Wwf, «è sufficiente mettere in atto piccoli gesti (che alla lunga permettono anche di risparmiare denaro): rispetteremo l'ambiente e preserveremo i sistemi naturali del nostro pianeta che sono alla base non solo della nostra qualità di vita, ma della nostra sopravvivenza. “Generazione Clima” vuole dare un contributo a questo cambiamento. A partire dal luogo che ci è più vicino: la nostra casa.
L'energia domestica, ossia l'energia utilizzata per il riscaldamento e la corrente elettrica nelle nostre abitazioni, assorbe il 18% del fabbisogno energetico nazionale ed è responsabile del 27% delle emissioni inquinanti. Con alcuni piccoli accorgimenti è possibile risparmiare fino al 50% dell'energia domestica che consumiamo».

IN COSA CONSISTE “GENERAZIONE CLIMA”

Sabato 2 e domenica 3 dicembre il WWF sarà presente nelle piazze italiane per fornire informazioni su come risparmiare energia nelle nostre case: sarà coadiuvato in questo da artigiani e tecnici delle Piccole e Medie Industrie che forniranno consigli utili per migliorare l'efficienza delle nostre abitazioni.
Grazie ad uno stand che riproduce in piccolo una casa si potranno verificare tutti gli sprechi energetici di un'abitazione e capire come evitarli.
Saranno distribuiti “kit efficienza” formati da un borsino di tela, una lampadina a basso consumo ed una guida su come risparmiare energia e migliorare l'efficienza energetica delle abitazioni.
Inoltre, sarà possibile prenotare un “check-up energetico” gratuito delle proprie case che sarà effettuato da tecnici specializzati.

GLI ABRUZZESI: POCO INFORMATI SULL'EFFICIENZA ENERGETICA DELLE LORO CASE.

In occasione dell'evento “Generazione clima” il WWF e la RAS hanno fatto realizzare dalla società specializzata Makno & Consulting, una ricerca sulla conoscenza dell'efficienza energetica e degli stili abitativi degli italiani.
Dalla ricerca risulta che il 70% del campione mette in pratica almeno un comportamento domestico di spreco e quindi di maggiore impatto sul clima: il 46,9% tiene regolarmente in stand-by le apparecchiature elettroniche, il 15,9% regola la temperatura del frigorifero al di sotto dei 6 gradi, l'8,1% del campione utilizza abitualmente lavastoviglie e lavatrice non a pieno carico. In compenso, quasi l'80% degli intervistati ha acquistato 1 lampadina ad alta efficienza nell'ultimo anno.
L'Abruzzo non esce bene dalla ricerca: nel dato complessivo sulla corretta conoscenza dei temi dell'efficienza domestica si pone al penultimo posto, davanti solo alla Campania.
Siamo gli ultimi per conoscenza dei pannelli fotovoltaici (solo il 54,8% degli abruzzesi sa cosa sono); va un po' meglio sulle valvole termostatiche (61,8%), ma siamo all'ultimo posto per quanto riguarda la cogenerazione (35,9%).
I consumi energetici non influenzano i nostri acquisti di elettrodomestici: solo il 61,8% degli abruzzesi, infatti, pone attenzione ai consumi quando sceglie un elettrodomestico, contro il 83,6% dei piemontesi.
Siamo in media per quanto riguarda l'acquisto di lampadine ad alta efficienza (il 78,6% degli abruzzesi ne ha acquistata almeno 1 nell'ultimo anno).
Dato molto grave è quello sulla percezione degli abruzzesi della mancanza di impegno dei comuni sul tema dell'efficienza energetica: il 76,1% (dato più alto a livello nazionale) è convinto che il proprio comune non faccia niente nel campo del risparmio energetico.


“GENERAZIONE CLIMA” IN ABRUZZO.

Nella nostra regione il WWF ha organizzato banchetti in tutte le province. Sono stati privilegiati i centri commerciali così da raggiungere il maggior numero di consumatori possibili.

Banchetti di sabato 2 dicembre:
• Lanciano presso il Centro commerciale “La Fontana”;
• Penne presso l'Oasi WWF del Lago di Penne;
• San Giovanni Teatino presso la Coop. “Adriatica”;
• Sulmona presso il Centro commerciale “Il Borgo”;
• Teramo (mattina) presso la Biblioteca provinciale “M. Delfico”;
• Teramo (pomeriggio) in Corso San Giorgio.
Banchetti di domenica 3 dicembre:
• Colonnella presso il Centro commerciale IPER;
• L'Aquila presso il Centro commerciale “L'Aquilone”;
• Lanciano presso il Centro commerciale “La Fontana”;
• Penne presso l'Oasi WWF del Lago di Penne;
• San Giovanni Teatino presso la Coop. “Adriatica”.

10 PICCOLE AZIONI CHE PORTANO GRANDI CAMBIAMENTI.

I cambiamenti climatici si combattono attraverso scelte strategiche a livello mondiale, ma ognuno di noi, secondo il Wwf, con piccoli interventi può migliorare l'ambiente in cui viviamo. Promuovere l'efficienza energetica nel settore residenziale è strategico perché in Italia questo settore mostra un grande potenziale di risparmio, fino al 50%, con notevoli vantaggi ambientali ed economici.
Ecco alcune semplici azioni da fare in casa per un uso più razionale delle risorse energetiche: ridurremo i consumi dei combustibili, inquineremo di meno e pagheremo bollette meno care.
1) Non lasciamo la televisione e gli altri elettrodomestici in stand by (ovvero con la lucina rossa o verde accesa): eviteremo di consumare energia inutilmente.
2) Inseriamo dei riduttori del flusso di acqua così da diminuirne il consumo;
3) Scegliamo sempre lampadine ad alta efficienza che hanno una durata di gran lunga superiore (da 4 a 10 volte) rispetto a quelle normali ad incandescenza;
4) Inseriamo doppi vetri ed isoliamo il cassonetto per evitare fughe di aria calda dalle finestre;
5) Scegliamo elettrodomestici efficienti in base alle indicazioni dell'etichetta energetica (la lettera “A” indica i minori consumi);
6) Regoliamo la temperatura del frigorifero (tra i 5 ed i 6 gradi) e del congelatore (tra i -18 ed i -15 gradi);
7) Utilizziamo la lavatrice solo a pieno carico e ricordiamoci di utilizzare i programmi a basse temperature;
8) Regoliamo il termostato così da riscaldare le case solo quando è effettivamente necessario;
9) Inseriamo valvole termostatiche per regolare la temperatura di ogni radiatore;
10) Facciamo controllare la caldaia per mantenere sempre al massimo il rendimento dell'impianto.



27/11/2006 14.09