Gli Ato:«I lavoratori "Pari" li assumiamo noi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

958

ABRUZZO. Hanno espresso disponibilità a stipulare contratti a tempo determinato, della durata di un anno, per alcuni dei lavoratori aderenti al programma P.A.R.I. i rappresentanti dei sei Ambiti Territoriali Ottimali (ATO). Questo in attesa della prevista riforma che dovrebbe incidere sull'intero sistema organizzativo.
E' quanto emerso al termine di un incontro che l'assessore al Lavoro, Fernando Fabbiani, ha avuto nel suo assessorato.
La Giunta regionale, su proposta dell'assessore Fabbiani, proprio nei giorni scorsi, aveva stanziato 600 mila euro per sostenere un programma sperimentale di misure a favore delle Pubbliche Amministrazioni che non possono beneficiare degli incentivi destinati a stimolare l'assunzione di lavoratori contemplati dalla normativa vigente per le imprese private. Gli incentivi per l'assunzione prevedono tre tipologie di contributi finanziari a fondo perduto. La prima è pari a 18 mila euro per ciascuna assunzione a contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato full-time o part-time effettuata entro il 30 settembre 2007, la seconda ammonta a 3 mila euro per ciascuna assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato full-time di almeno 12 mesi, sempre entro il 30 settembre 2007 mentre la terza prevede un contributo di 15 mila euro per ciascuna assunzione derivante dalla trasformazione a tempo indeterminato del contratto di lavoro precedentemente instaurato a tempo determinato. Le domande delle Pubbliche Amministrazioni dovranno pervenire in Regione entro il 31 ottobre 2007.

16/11/2006 10.05