Vendita diretta farmacia, Mazzocca: «potremmo ritrattare»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1779

ABRUZZO. Sarà monitorata, rispetto agli esiti della sperimentazione in atto, la delibera approvata dalla Giunta regionale lo scorso 2 ottobre e relativa al contenimento della spesa farmaceutica.

ABRUZZO. Sarà monitorata, rispetto agli esiti della sperimentazione in atto, la delibera approvata dalla Giunta regionale lo scorso 2 ottobre e relativa al contenimento della spesa farmaceutica.



E' quanto emerso al termine di un incontro, sollecitato dall'Anci Abruzzo, che si è svolto, questa mattina, a Pescara, nella sede della Regione, alla presenza dell'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca, dell'assessore agli Enti Locali, Giovanni D'Amico, dei rapprsentanti di Federfarma, dei medici di medicina generale (FIMG)e dei farmacisti ospedalieri e comunali.
L'Anci si era fatta portavoce di una problematica che investe soprattutto i residenti delle aree montane, prive di ospedali, a seguito della delibera di Giunta che prevede la distribuzione di alcuni farmaci solo attraverso la farmacie ospedaliere. «Siamo aperti al confronto», ha dichiarato l'assessore Mazzocca «tanto è vero che si stanno studiando anche soluzioni alternative che, comunque, dovranno andare sempre nella direzione del contenimento della spesa farmaceutica e del rientro nei limiti fissati dallo Stato».
Il provvedimento oggetto di verifica punta, infatti, sull'aumento della distribuzione diretta dei famaci da parte delle Asl allo scopo di fronteggiare il costo della spesa farmaceutica a carico del fondo sanitario regionale. Costo che, sulla base del primo semestre 2006, è di gran lunga superiore al tetto del 13 per cento. I dati riferiti al periodo gennaio/giugno 2006 evidenziano, rispetto ad analogo periodo del 2005, un aumento della quantità delle ricette pari all'11,30 per cento, a fronte di una media nazionale del + 5,9 per cento, e della spesa netta del 13 per cento a fronte di una media nazionale del + 10,8
03/11/2006 13.31