Cercasi progetti per divulgare sicurezza ed educazione alla legalità

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

720

ABRUZZO. Sicurezza dei cittadini e educazione alla legalità sono questi gli obiettivi principali del bando pubblico, elaborato dalla direzione Enti locali della Regione, per finanziare progetti presentati dagli enti e dai comuni abruzzesi.
Il bando è stato pubblicato sul Bura lo scorso 20 ottobre e i termini per presentare i progetti da finanziare scadono il prossimo 20 novembre. Sarà la direzione degli Enti locali a stilare la graduatoria dei progetti finanziati in base a precisi criteri indicati nel bando pubblicato sul Bura.
Tra i criteri più importanti spicca il potenziamento dell'attività della polizia locale mediante la dotazione di impianti tecnologicamente avanzati di controllo e telesorveglianza; il rafforzamento della prevenzione sociale nei confronti dei soggetti a rischio di esposizione ad attività criminose; e l'attivazione di strumenti per la difesa dalla violenza di donne, anziani e bambini. Ogni progetto non potrà avere un costo complessivo superiore a 80 mila euro, con un contributo massimo della Regione Abruzzo pari al 60% del costo del progetto stesso.
«E' per il secondo anno consecutivo - spiega Giovanni D'Amico, assessore agli Enti locali - che garantiamo fondi in bilancio per dare seguito alla legge regionale del 2004, proprio perché pensiamo che la sicurezza dei cittadini sia un'emergenza alla quale dare risposte. Ma in questo modo siamo convinti anche di venire incontro alle esigenze degli enti locali, soprattutto comuni, che potranno portare a termine progetti sulla sicurezza dei cittadini che molto spesso sono irrealizzabili per mancanza di fondi».
Il progetto, una volta approvato, dovrà poi partire entro sei mesi, a pena di decadenza, e terminare entro diciotto.

02/11/2006 15.39