E' nato il Comitato nazionale per il turismo. Ora si attendono i fondi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

839

ROMA. Nasce un nuovo organismo destinato a proporre una linea unitaria per il settore. A farne parte anche il vice presidente della Regione , Enrico Paolini, e il rappresentante di Anci Abruzzo, Antonio Centi
E' nato ufficialmente ieri sera, nella sede del ministero delle Infrastrutture a Roma, il Comitato nazionale per il turismo.
A tenere a battesimo l'organismo di gestione delle linee politiche del turismo nazionale c'erano il presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi, il ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola, i ministri La Loggia, Stanca e Matteoli e il sottosegretario Gianni Letta.
Le regioni erano rappresentate dal vicepresidente della Regione Abruzzo, Enrico Paolini, che presiede il coordinamento delle regioni nel settore del turismo.
Nato grazie al decreto 80 sulla competitività, il Comitato, come ha ricordato il presidente Berlusconi, ha finalità di dettare le linee di indirizzo della politica turistica nazionale in accordo con le regioni italiane che avranno in questo una parte attiva.
Dopo la nascita del Comitato nazionale, una sorte di "cabina di regia", Regioni e governo daranno vita all'Agenzia nazionale per il turismo che sostituisce l'Enit e che fungerà da braccio operativo delle decisioni del Comitato stesso.
Avrà dunque compiti esecutivi con l'obiettivo di porre in essere un'unica politica di promozione per tutto il sistema turistico Italia.
Enrico Paolini, che alla fine ha tenuto una conferenza stampa insieme a Berlusconi e Scajola, ha detto che «la nascita del Comitato è un fatto storico per la promozione del turismo in Italia».
Ma ha poi aggiunto: «A Berlusconi ho fatto notare l'assenza polemica del presidente della Conferenza delle regioni, Vasco Errani. Dopo i trionfalismi di oggi», ha aggiunto Paolini, «tutte le Regioni aspettano i provvedimenti che il governo intende calare nella Finanziaria 2006. Il ministro Scajola ha parlato di 20 milioni di euro quale primo impegno finanziario per far partire il Comitato. Staremo a vedere. Del resto», ha proseguito il vicepresidente, «già dalla prossima riunione si accerteranno le effettive volontà del governo e del ministro. In quell'occasione, gli annunci dovranno essere messi da parte per far posto alle proposte operative».
Alla riunione ha partecipato anche il presidente di Anci-Abruzzo, Antonio Centi, nella veste di delegato Anci per il turismo. 04/11/2005 10.46