In rete i centri abruzzesi per la terapia anticoagulante orale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1539

ABRUZZO. 13.000 pazienti potenziali in Abruzzo, pari al 1% della popolazione, necessitano della terapia anticoagulante orale. La Regione presenta il “progetto tao” per mettere in rete i 21 centri dislocati sul territorio.


Per meglio monitorare questi pazienti è nato nel 2000 un progetto regionale.
Dal 2000 ad oggi la Regione Abruzzo ha finanziato il progetto utilizzando le strutture esistenti, i Laboratori di Patologia Clinica già operativi in sinergia con F.C.S.A. (Federazione dei Centri per la diagnosi della trombosi e la Sorveglianza delle terapie Antitrombotiche) e A.I.P.A. (Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati), ha istituito 21 borse di studio per medici specialisti, ha promosso la formazione del personale medico borsista e strutturato mediante corsi (FCSA), ha acquistato un sistema informatico per l'integrazione dei 21
centri di sorveglianza e del territorio (distretti) e ha acquistato strumenti P.O.C. e relativi reattivi.

Ora il progetto si evolverà mediante le procedure logistiche per il collegamento di tutti i 21 centri FCSA presenti collegati in rete (Anthema) Atessa, Atri, Avezzano, Casoli, Castel di Sangro, Chieti, Gissi, Giulianova, Guardiagrele, L'Aquila, Lanciano, Ortona, Penne, Pescara, Pescina, Popoli, S.Omero, Sulmona, Tagliacozzo, Teramo, Vasto.

Vantaggi del sistema di informatizzazione dei centri sarano la formazione di un coordinamento regionale della rete Anthema; il colloquiare tra i centri per eventuali valutazioni cliniche dei pazienti; il raccogliere dei dati per una post-analisi epidemiologica e statistica (circa 8000 pazienti attualmente reclutati); una notevole ricaduta a livello di risparmi sia diretti che indiretti; la utilizzazione dei dati per studi sarà svolta da un Comitato scientifico costituito dal Prof. G. Davì e il Prof. S. Martinotti (Università di Chieti) e dai sei referenti delle
AUSL (Patologi Clinici Ospedalieri) sotto le direttive del coordinatore regionale del progetto (Prof. G. Nubile).

10/10/2006 9.13