L’assessore Bianchi invita gli imprenditori cinesi ad investire in Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

629

ABRUZZO. Un invito ad investire in Abruzzo, facendo leva sulle peculiarità del tessuto industriale e sulla posizione baricentrica della regione, rispetto alle grandi direttrici, è stato rivolto dall'assessore alle Attività produttive, Valentina Bianchi, agli imprenditori cinesi, nel corso della visita della delegazione abruzzese a Canton.
Nel corso delle prime due giornate di lavoro, come riferisce lo stesso assessore, sono stati selezionati ottanta contatti con aziende locali di composizione eterogenea.
L'assessore ha quindi aggiunto di aver avuto un colloquio con il viceministro italiano allo sviluppo economico, Sergio D'Antoni, al quale Bianchi ha ribadito l'esigenza che il governo concluda in tempi brevi l'azione di riforma sugli strumenti nazionali (Sviluppo Italia, riforma degli incentivi, riforma degli aiuti di Stato), allo scopo di offrire alle Regioni efficaci e certe politiche di sostegno all'internazionalizzazione e all'attrazione degli investimenti.
«Saranno proprio queste modalità - ha spiegato Bianchi - a facilitare l'ingresso dell'Abruzzo nei mercati internazionali e tra questi, c'è quello cinese, che pur rappresentando forte elemento di criticità per le nostre aziende, offre, nel contempo, anche grandi possibilità di sviluppo e di investimenti per le nostre imprese. E' su questa direttrice che riteniamo di sviluppare relazioni di lungo periodo, sapendo di poter spendere vantaggi derivanti dal fatto di essere la porta d'ingresso del Mediterraneo».
Il vice ministro cinese con delega alle Finanze, Zhu Zhigang, ha affermato che l'Italia è il Paese delle Pmi confermando il rapporto strategico e il sistema di cooperazione già avviati. Ieri, era stato il ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro, a visitare lo stand della Regione Abruzzo. L'assessore Bianchi ha affrontato con il ministro il tema del sistema logistico.

18/09/2006 15.48