Arrivano 60 milioni per gli acquedotti. Gli interventi a pioggia della Regione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

974

La Regione Abruzzo ha siglato due nuovi atti integrativi all'accordo di Programma Quadro, sulle risorse idriche con i ministeri del Tesoro, dell'Ambiente e delle Infrastrutture.
Nuovi atti che comportano un ulteriore stanziamento di oltre 60 milioni di euro destinati alla realizzazione e all'adeguamento di impianti- fogne, depuratori e acquedotti - del Servizio idrico integrato.
Ne ha dato notizia l'assessore regionale ai Lavori pubblici, Mimmo Srour.
«Sono interventi destinati a risolvere alcuni problemi delle zone interne - ha spiegato Srour - primi fra tutti, l'ampliamento di impianti di depurazione, la riunificazione degli scarichi in piccole frazioni e la realizzazione di impianti di depurazione in frazioni che ancora non lo possiedono. E' un deciso inizio di politiche volte al recupero della qualità delle acque dei fiumi. L'intervento - ha aggiunto Srour - in tal senso è reso indispensabile dall'obbligo di portare tutte le acque dei fiumi in qualità "discrete" entro il 2008».
L'accordo sull'urgenza di alcuni interventi rispetto ad altri, è stato raggiunto dopo una serie di incontri con gli Ato, enti preposti alla pianificazione del settore.
«Con l'aiuto degli Ato - aggiunge l'assessore - abbiamo riscontrato le reali esigenze del territorio e questo ci consente di avere progetti vicini alla definizione e opere che potranno essere appaltate in tempi brevissimi. Di paticolare importanza è lo storico e rilevante problema della depurazione di L'Aquila Est per il quale è stato previsto un intervento di oltre 2 milioni di euro, per l'ampliamento dell'impianto di depurazione».
Nell'aquilano l'accordo prevede interventi per la realizzazione e l'adeguamento di impianti di depurazione ai comuni di Caporciano, Tione Degli Abruzzi, Prata D'Ansidonia, Villa Santa Lucia, San Benedetto in Perillis, Castel Del Monte e Fagnano.
Opere di completamento scarichi al comune di Tornimparte. Ampliamento impianti di depurazione a Cagnano Amiterno, Montereale e Pizzoli.
Inoltre, è prevista la realizzazione di un sistema di collegamento nella frazione di Sant'Elia-Gignano.
Nella zona Peligna e dell'Alto Sagro sono previsti quattro interventi sul sistema idrico e fognario. Nel Pescarese più di 5 milioni di euro saranno impegnati per il progetto di disinquinamento del fiume Pescara.
Nel chietino l'acquedotto Del Verde sarà integrato nei comuni di Taranta Peligna, Lama Dei Peligni, Casoli, Fara San Martino e Guardiagrele. 31/10/2005 16.47