Acqua, nelle proposte di Di Matteo «riduzione costi ed enti, e più qualità»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

721

PESCARA. E’ saltata la conferenza stampa prevista per questa mattina dell’esponente Ds. Ma ieri pomeriggio, durante una riunione con i vertici di partito, ha esposto la sua proposta di legge.
Un incontro più che atteso quello fissato per questa mattina perché finalmente il capogruppo dei Ds Donato Di Matteo avrebbe potuto rispondere alle domande dei giornalisti sull'attuale e intricata situazione della gestione dell'acqua. E invece la conferenza stampa prevista per questa mattina è stata annullata. Occasione persa, quindi, visto che al momento dichiarazioni ufficiali dai vertici aziendali del settore non ce ne sono state e chissà quando arriveranno.
Se sul tema tutti hanno detto la loro, manca probabilmente la versione più importante, quella di chi gestisce il bene comune e dovrebbe dare qualche risposta.
Durante l'incontro con la stampa Di Matteo avrebbe inoltre presentato la sua proposta di legge in materia di servizio idrico integrato.
Cosa che per ovvie ragioni non farà oggi ma che in qualche modo ha già fatto ieri pomeriggio nella riunione congiunta del gruppo regionale Ds e gruppo parlamentare.
Di Matteo ha ricordato l'esigenza di arrivare «in pochi mesi alla approvazione di una legge di riforma regionale in grado di rendere pienamente efficacie le importanti disposizioni contenute nella nuova convenzione».
Si è discusso inoltre sulla necessità di aprire un confronto rapido nella maggioranza regionale in modo da dar vita ad una proposta di legge unitaria de L' Unione Abruzzese.
Sono stati anche confermati i punti salienti della linea DS: «riduzione dei costi delle gestioni e degli Enti ( A.t.o. unico e riduzione dei Gestori); riduzione delle tariffe; potenziamento della qualità dei servizi; uso sostenibile della risorsa acqua; tutela e salvaguardia dell'ambiente».
I Ds terranno nei prossimi giorni incontri di approfondimento sulla materia con i sindaci, le associazioni di categoria competenti e le altre forze di maggioranza.

06/09/2006 10.15