Fonti rinnovabili: «nella variazione di bilancio zero euro al settore»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1804

L’AQUILA. I Verdi «la Regione accolga i nostri due emendamenti» Il gruppo consiliare dei Verdi ha presentato in questi giorni due emendamenti alla Variazione di Bilancio, in discussione in questi giorni alla Regione, affinché si dia finalmente inizio a serie politiche energetiche.
Il primo propone di finanziare l'Araen con la istituzione di un nuovo capitolo di bilancio denominato “Agenzia Regionale per l'Energia” dotandolo di una somma pari ad € 300.000.
Il secondo propone propone di rifinanziare con una somma pari ad € 300.000 il Fondo Regionale per lo Sviluppo e la diffusione delle Fonti Rinnovabili di Energia e per la riduzione dei consumi energetici

«Mentre tutti si dicono d'accordo sulla importanza di ridurre l'inquinamento atmosferico promettendo azioni volte ad ottenere questo risultato, quando si deve passare dalle parole ai fatti "il giocattolino" si rompe», ha dichiarato il capogruppo dei Verdi Walter Caporale.
«E' il caso dell' Abruzzo», ammette il consigliere regionale «che in occasione della variazione di bilancio in discussione in questi giorni, non destina un euro alla produzione energetica da fonti pulite o a politiche tese al risparmio energetico».
Con buona pace del Protocollo di Kyoto che impone di ridurre l'inquinamento atmosferico, ed alla salute dei cittadini.

«Ma la Regione non è impegnata nella riduzione delle spese sanitarie?», si domanda Caporale. «Non riesce a percepire il nesso tra inquinamento ambientale ed aumento delle malattie ormai dimostrato da qualsiasi studio scientifico? La Regione Abruzzo ha intenzione di contribuire al raggiungimento degli obiettivi definiti nel Protocollo di Kyoto? Mi auguro che pur essendo cifre irrisorie, la Regione voglia accogliere i 2 emendamenti e lanciare un segnale di rottura con le politiche del passato che nulla hanno fatto in tal senso».

03/08/2006 11.51