Ristoratori a Del Turco: «rinviamo il fermo biologico»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1246

Ristoratori a Del Turco: «rinviamo il fermo biologico»
PESCARA. Ci risiamo. Lo stornello della stagione è quello di aggirare, rinviare, saltare e procrastinare il fermo biologico previsto nei mesi estivi per garantire piatti prelibati di pesce fresco sulle tavole dei ristoranti.
Anche quest'anno la Confcommercio con una nota inviata al Presidente della Giunta Regionale, Ottaviano Del Turco, ed all'Assessore all'Agricoltura, Marco Verticelli, ha espresso la preoccupazione delle categorie che somministrano prodotti ittici.
Secondo le ultime notizie infatti il fermo biologico dovrebbe scattare a partire dal prossimo 31 luglio.
Il presidente dell'associazione Ristoranti/Confcommercio Roberto Chiavaroli sostiene che «Nei mesi scorsi, infatti, erano pervenute ampie rassicurazioni circa l'avvio dell'interruzione forzosa dell'attività di pesca in un periodo meno penalizzante. Sono anni che conduciamo la battaglia contro il fermo estivo della pesca che costringe le attività economiche locali a costosi approvvigionamenti da altre regioni proprio nel periodo dell'anno maggiormente redditizio. Alla luce delle motivazioni appena addotte», continua Chiavaroli, «abbiamo chiesto alla Regione Abruzzo un intervento tempestivo volto a rinviare quantomeno di una settimana l'avvio del fermo al fine di consentire alle aziende l'indispensabile approvvigionamento del pesce in vista del periodo di maggiore interesse a cavallo del ferragosto. Ciò anche alla luce del fatto che in Puglia il fermo avrà inizio dal 7 agosto e che in altre regioni del litorale l'avvio del periodo è ulteriormente posposto».
L'augurio della categoria è che la Regione Abruzzo si faccia carico delle loro istanze, anche a salvaguardia del turismo costiero, e che riesca ad ottenere una proroga dell'inizio del fermo che possa dare maggiore respiro agli operatori.

21/07/2006 14.31