"Marchi d’area": incentivi per il Parco del Gran Sasso e Monti della Laga

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

918

ABRUZZO. Scadranno il prossimo 22 luglio i due bandi relativi al progetto “MARCHI D’AREA”sostenuto da Italia Lavoro che coinvolge anche l’intero territorio del Parco del Gran Sasso e Monti della Laga.
Il primo si rivolge alle imprese che operano al suo interno per incentivi all'assunzione di lavoratori a tempo indeterminato pieno o parziale, servizi di consulenza specialistica e assistenza tecnica; il secondo si rivolge a giovani disoccupati per la partecipazione a percorsi formativi nei settori agroalimentare, turistico e artigianale.
Lo stanziamento previsto - per ogni singola impresa che si candida - non supera la soglia dei 5000 euro ed è riservato alle aziende che si trovano nei territori aderenti al progetto (Parco del Cilento e Vallo di Diano, Parco del Gran Sasso e Monti della Laga, Parco dell'Adamello e Provincia di Lecce\Salento ).
Per i disoccupati e gli svantaggiati è invece prevista la realizzazione di percorsi formativi della durata di 360 ore complessive.
Il progetto selezionerà 50 destinatari abruzzesi – in possesso di licenza media inferiore - che seguiranno un percorso di formazione al termine del quale solo 12 potranno accedere a un incentivo erogato per la creazione d'impresa.
Il progetto "Marchi d'Area" ha come obiettivo quello di promuovere lo sviluppo del territorio attraverso il sostegno delle produzioni tipiche, ma anche l'artigianato locale, le bellezze culturali ed ambientali, le strutture ricettive e ricreative. Per l'ottenimento del marchio, artigiani, viticoltori, consorzi agricoli e albergatori dovranno rispettare determinate caratteristiche, previste da un apposito regolamento a disposizione degli operatori interessati a qualificarsi e a condividere un progetto di rilancio economico.
Una sfida – quella che si pone il Parco del Gran Sasso e Monti della Laga – che punta a creare sviluppo ed occupazione attraverso una forte innovazione del settore agro-alimentare e la costruzione di servizi ad alto valore aggiunto - ricreativi, ricettivi, ambientali, professionali - che promuovano e facilitino il consumo dei prodotti agricoli di qualità da parte di un crescente numero di “consumatori esigenti”.
I bandi del Ministero del Lavoro consentiranno, dunque, a tutti i produttori locali, interessati ad intraprendere questo percorso verso produzioni di qualità, di giovarsi del sostegno operativo nonché di una serie di incentivi, anche alla formazione di giovani professionalità qualificate ed innovative.

Bandi e moduli: www.italialavoro.it/PROGETTOMDA

17/07/2006 13.54