Bianchi: «Sulla tecnologia quello che ci vuole è una rivoluzione culturale»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

919

SULMONA. Oggi si terrà un convegno dal titolo "Abruzzo Glocal - Innovazione a 360 gradi" che anticiperà a Sulmona (Palazzo della SS. Annunziata, con inizio alle 10) le azioni future della Regione.

SULMONA. Oggi si terrà un convegno dal titolo "Abruzzo Glocal - Innovazione a 360 gradi" che anticiperà a Sulmona (Palazzo della SS. Annunziata, con inizio alle 10) le azioni future della Regione.


«Una rivoluzione culturale sul tema dell'innovazione».
E' quello che ci vorrebbe, è una speranza dell'assessore alle Attività produttive, Valentina Bianchi, con riferimento a quanto potrebbe avvenire nei mesi a venire.
L'incontro di stamane a palazzo Farinosi Branconi è stato voluto dall'assessore Bianchi sia per presentare il nutrito e qualificato team di relatori che si alterneranno domani a Sulmona, sia per illustrare le linee generali che guideranno il progetto per la creazione del Sistema regionale dell'innovazione.
Progetto che ha già ricevuto il placet della Giunta nella seduta dello scorso 12 giugno.
A breve, la Direzione Attività produttive nominerà un gruppo di tre esperti ai quali spetterà il compito di redigere, entro la fine di settembre, una prima bozza di programma.
«La strategia di sviluppo regionale - ha spiegato l'assessore Bianchi - intende porre la ricerca e l'innovazione al centro della crescita economica e dell'occupazione. Per concorrere ad un efficace sistema di governance dell'innovazione - ha aggiunto - è fondamentale mettere in relazione imprese, pubblica amministrazione, centri di ricerca, scuole di formazione e partner sociali. Questo convegno rappresenta il primo passo verso la costruzione di un sistema regionale dell'innovazione. Per raggiungere questo obiettivo - ha quindi suggerito - è necessario innanzitutto partire da un nuovo approccio culturale, diffondendo la cultura dell'innovazione tout-court, la cultura della valorizzazione delle competenze e delle eccellenze, la cultura del risultato e della collaborazione».

Ed è proprio sul coinvolgimento globale dei soggetti interessati che l'assessore ha insistito.
Del resto, anche domani a Sulmona, Bianchi ha chiamato a raccolta i maggiori esponenti regionali e nazionali di settori tradizionali (enogastronomia, abbigliamento, etc.) e di comparti più innovativi (microtecnologie).

Il simposio sarà aperto da un saluto del presidente della Giunta regionale, Ottaviano Del Turco, impegnato al Quirinale, al quale farà seguito l'intervento di Ronald Spogli, ambasciatore Usa in Italia.
L'assessore Bianchi illustrerà, quindi, le linee della Giunta, mentre Alberto Sangiovanni Vincentelli, consigliere per l'Innovazione tecnologica, relazionerà su situazione attuale e prospettive.
Alle 11 prenderà il via la tavola rotonda, alla quale prenderanno parte lo stesso Spogli e rapprentanti di imprese d'eccellenza della regione (Micron Tecnology, Azienda agricola Masciarelli, Sextantio srl, Dompè e Formoda).
«Il nostro deve essere - ha ribadito l'assessore Bianchi- un discorso corale. A testimonianza della sinergia che regna nella nostra amministrazione, daranno il proprio contributo anche l'assessore all'Ambiente, Franco Caramanico, e il collega dell'Agricoltura, Marco Verticelli. L'innovazione tecnologica riguarda tutti, indistintamente, e tutti - ha concluso - dobbiamo remare verso la stessa direzione E' un tema strategico ed è importante l'attenzione che Consiglio e partiti gli stanno riservando anche con proposte di legge».

Speriamo che ora seguano anche i fatti.

05/07/2006 9.15

Pianificare, eseguire e perseverare.
Sono queste le tre parole d'ordine per puntare in Abruzzo sull'innovazione tecnologica, oggetto del convegno "Abruzzo Glocal".
«La strategia di sviluppo regionale intende porre la ricerca e l'innnovazione al centro della crescita economica e dell'occupazione», ha detto l'assessore Valentina Bianchi, «per concorrere ad un efficace sistema di 'governance' dell'innovazione è fondamentale mettere in relazione imperese, pubblica amministrazione, centri di ricerca, scuole di formazione e partner sociali».

C'erano tutte le parti sociali interessate: dagli imprenditori locali a quelli provenienti dal resto della regione, dagli amministratori ai docenti universitari, accorsi numerosi all'appuntamento che rappresenta il primo passo verso la costruzione di un sistema regionale dell'innovazione.
«Affichè si possa realizzare questo obiettivo» ha ripreso la Bianchi «è necessario, innanzitutto, partire da un nuovo approccio culturale, diffondendo e radicando su tutto il territorio abruzzese la cultura, appunto, dell'innovazione a 360°, la cultura della valorizzazione delle competenze e delle eccellenze, la cultura del risultato e della collaborazione».
L'assessore ha poi annunciato che, nei prossimi mesi, sarà presentata una bozza del programma regionale per l'innovazione che verrà discussa e concertata con le parti sociali e con i tanti attori dell'innovazione presenti sul territorio.
«Dalla definizione di obiettivi di medio e lungo periodo all'individuazione delle azioni e dei servizi necessari a raggiungere tali obiettivi» ha spiegato Valentina Bianchi «e soprattutto da un'attenta e puntuale azione di conoscenza del territorio e delle sue potenzialità, dovranno scaturire i presupposti per la redazione di uno strumento normativo che valorizzi le eccellenze e sappia creare connessioni virtuose ponendo le basi per un contesto innovativo regionale».
Tra le priorità l'assessore ha ricordato anche la costituzione di un osservatorio regionale sull'innovazione per la definizione dei possibili scenari su cui costruire le politiche di intervento sia a livello regionale che nazionale.
Ad aprire i lavori, stamani, è stata proprio l'assessore Bianchi che ha chiarito come la scelta della città di Sulmona e della Valle Peligna non sia stata affatto un caso.
«Volevamo, infatti, dare un segnale di massima attenzione alle aree interne» ha detto «si parte da qui poichè sono convinta che tutto l'Abruzzo abbia le capacità per puntare sull'innovazione. E per restare in clima di Mondiali l'Abruzzo può davvero fare gol».

05/07/2006 16.28