Piccoli Comuni: rendicontazione delle spese investimento entro il 31 dicembre

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

761

I piccoli comuni la cui popolazione è inferiore a 2000 abitanti hanno tempo fino al 31 dicembre prossimo per rendicontare le spese di investimento per opere infrastrutturali.
Lo prevede la legge regionale numero 16 dell'8 giugno 2006 approvata dal Consiglio regionale, la cui pubblicazione è prevista per la prossima settimana.
La misura di slittamento della rendicontazione si è resa necessaria per evitare la revoca dei finanziamenti in capo ai piccoli comuni che non hanno potuto avviare lavori già appaltati per i più disparati motivi.
«Si tratta di una boccata d'ossigeno di non poco conto - ha commentato l'assessore agli Enti locali Giovanni D'Amico - perché in questo modo i piccoli comuni si vedono preservare i finanziamenti per opere già avviate i cui cantieri non sono stati aperti o magari i lavori non sono proseguiti per problemi atmosferici. Questa legge sposta i tempi della rendicontazione in modo da rimettere tutti sulla stessa linea».
Guarda sempre ai comuni l'altra misura contenuta nell'elaborato legislativo. In particolare, la legge ha previsto una sanatoria per quei comuni che non hanno versato il contributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi urbani. Con questa sanatoria che, spiega l'assessore D'Amico «è stata concordata con l'assessore all'Ambiente, Franco Caramanico», i comuni inadempienti potranno conferire in discarica pagando il contributo con un versamento in quattro rate.
«Anche in questo caso - conclude D'Amico - si tratta di una misura concordata che viene incontro alle espresse richieste che ci ha fatto l'Anci».

15/06/2006 8.48