Energia. L'assessore Caramanico immagina la svolta per l'Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1015

«Lo scenario internazionale sul fronte energetico è tutt'altro che rassicurante sia per il progressivo aumento del costo del petrolio sia per la crescita esponenziale del fabbisogno di energia. Per questo, è necessario puntare, nel medio e lungo termine, su risparmio ed efficienza energetica e quindi, attraverso le nuove tecnologie, su un maggior rendimento degli impianti così come sulle fonti rinnovabili. In tale contesto, però, sono utili anche piccoli passi».
Lo ha dichiarato l'assessore all'Energia, Franco Caramanico, annunciando l'avvio di una iniziativa, in collaborazione con Legambiente, rivolta a tutte le famiglie abruzzesi e tesa a favorire l'acquisto di lampadine a basso consumo.
Inoltre, la Regione ha in cantiere anche la rottamazione delle vecchie caldaie, un'operazione che, oltre al risparmio energetico, consentirà anche la riduzione delle emissioni in atmosfera.
Per di più, è in fase di preparazione il nuovo testo unico sull'edilizia che contiene un paragrafo specifico sull'energia alla luce delle nuove direttive europee, in vigore dal prossimo mese di luglio, secondo cui gli edifici saranno valorizzati, a livello catastale, anche sotto il profilo dei consumi energetici.
Per quanto riguarda l'eolico, Caramanico ha incaricato il professor Ricci, docente della Facoltà di Architettura di Pescara, di prediporre un documento che disciplini la materia mentre, in relazione alla produzione di energia alternativa derivante dalle biomasse, «esiste un accordo con il Ministero dell'Ambiente che prevede un programma triennale ed un investimento complessivo di dieci milioni di euro».
In particolare, in collaborazione con l'assessorato all'Agricoltura, si punta alla creazione di distretti agroenergetici che prevedono l'attivazione di piccole centrali energetiche collegate al mondo agricolo.
«Se deve servire per chiudere il ciclo integrato dei rifiuti, l'esistenza di un termovalorizzatore può anche avere una sua logica ma siamo assolutamente contrari alla realizzazione di tre impianti come, invece, prevedeva il precedente Piano energetico».
Non ha dubbi, a tal proposito, l'assessore all'Energia, Franco Caramanico, affiancato, durante la conferenza stampa odierna, dal direttore regionale del settore, Antonio Sorgi, dalla dirigente Iris Flacco, e dal professor Antonio Ponticiello, direttore del dipartimento di Energia meccanica dell'Università dell'Aquila e responsabile scientifico del redigendo Piano Energetico regionale.
«Per quanto riguarda le centrali turbogas» ha proseguito Caramanico «è in fase di realizzazione quella di Gissi e purtroppo non si può fermare ma ovviamente non andremo oltre. La proprietà dell'energia deve rimanere pubblica ed in tal senso sarebbe opportuno che i vari consorzi industriali» ha auspicato «fossero in grado di produrre energia autonomamente, con indubbi benefici per le aree produttive».
In relazione al Piano Energetico, che rappresenta il punto di sintesi di tutte le attività e che andrà ad individuare le fonti alternative produttrici di energia pulita, secondo Caramanico «non si può non considerare che l'Abruzzo è la Regione dei Parchi e di questo non può non tener conto il suo modello di sviluppo».
«Il Piano che si andrà ad elaborare», ha rimarcato il professor Ponticiello «che rappresenta un fondamentale strumento di programmazione, dovrà essere il più possibile condiviso. Occorrerà il consenso dei cittadini, delle associazioni ambentaliste, degli operatori economici e così via. Tra i suoi principali obiettivi c'è la riduzione degli sprechi energetici ed a questo possiamo e dobbiamo contruibuire tutti, anche con semplici e piccoli accorgimenti».
Intanto, il prossimo 12 maggio, a Lanciano, presso la Fiera, è prevista la prima riunione del tavolo di concertazione. Il Piano, che, tra l'altro, per la prima volta, conterrà dati precisi sulla produzione e sul consumo di energia in Abruzzo, dovrebbe essere portato all'approvazione entro dodici mesi.

02/05/2006 11.06