Le bande di tutto il mondo a Giulianova

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

750

Saranno otto i Paesi, di quattro continenti, rappresentati al "7° Festival Internazionale Bande Musicali" che vedrà il suo svolgimento dal 21 al 25 aprile a Giulianova.
Una manifestazione, oggi è l'unica nel suo genere in Italia, che si è andata affermando nel corso degli anni per la passione per la musica popolare.
I complessi presenti provengono da Polonia, Sud Africa, Stati Uniti, Lituania, Giappone, Russia, Martinica, e Italia con il Gran Concerto Bandistico Regione Abruzzo Città di Chieti. Una grossa soddisfazione, hanno sottolineato gli organizzatori, è venuta dalla presenza straordinaria della Banda musicale della Polizia di Stato.
L'iniziativa è stata presentata e illustrata dall'assessore regionale alla Cultura, Elisabetta Mura, nel corso di una conferenza stampa cui ha partecipato Mario Orsini, presidente dell'Associazione "Padre Candido Donatelli" che organizza l'evento.
«Le bande, ha rilevato l'Assessore, da fenomeno musicale popolare, in grado di offrire un spet¬tacolo "di colore" ma considerato modesto dal punto di vista artistico, sono cre¬sciute in professionalità, qualità del livello esecutivo, ampiezza dei repertori fino ad approdare, dalla 'strada', agli interni dei teatri e alle competizione dei festival. Oggi, per qualità, la musica bandistica, pur conservando la sua specificità di musica popolare per concerti di piazza, può accostarsi senza soggezione alla musica ritenuta tradizionalmente colta. Questa nuova realtà è testimoniata dal festival di Giulianova, una rassegna che, dapprima limitata ai confini nazionali, ha da qualche tempo aperto le porte alla partecipazione di altri paesi facendo della manifestazione anche un occasione di scambio fra le culture dei diversi luoghi di provenienza».
19/04/2006 10.02