Sanità schizofrenica: riduzione ospedali e stipendi ai dipendenti Villa Pini

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8310

Sanità schizofrenica: riduzione ospedali e stipendi ai dipendenti Villa Pini
ABRUZZO. Sanità regionale schizofrenica: la macchina della comunicazione produce molto ma solo se si tratta di elogi o “trionfi”; scarsa attenzione alle prestazioni ed all'assistenza, con le liste di attesa sempre più chilometriche. * EX MANAGER CAPOROSSI:«IO ATTACCATO MA I NUMERI HANNO LA TESTA DURA»
Inoltre ci sono le difficoltà crescenti nella medicina del territorio che non fa filtro rispetto agli ospedali, con il personale ridotto e senza turnover, con la mobilità passiva in aumento e con le fibrillazioni per il destino sanitario delle zone interne.

IL MINISTRO FAZIO: «IN ABRUZZO DEBBONO RESTARE SOLO 9 OSPEDALI»

Insomma la politica regionale ed il Commissario Chiodi giocano sui tavoli della spartizione degli accreditamenti con i privati e lasciano al ministro Fazio il compito di comunicare quale sarà il destino della sanità abruzzese.
E i malati che chiedono prestazioni e i sindacati che protestano per la scarsa attenzione agli ospedali pubblici o per i dipendenti che lavorano senza essere pagati, per la Regione diventano sempre più fantasmi.
Di loro, infatti, nessuno parla, soprattutto i consiglieri di maggioranza e gli assessori regionali che non si lasciano sfuggire una parola sulla sanità e che hanno completamente rimosso il problema Villa Pini.
Un caso di amnesia non infrequente su questi argomenti. Ma non è Alzheimer: qualcuno ha messo la sordina sulla sanità, non si fanno dibattiti, non si propongono soluzioni, «nessuno disturbi il manovratore».
Non si spiegherebbe altrimenti, infatti, la distanza tra il comportamento preelettorale degli eletti del centrodestra ed il totale disinteresse attuale per la sanità, quando non anche il ribaltamento delle promesse elettorali.
La vittoria di Chiodi è venuta anche per aver cavalcato il malcontento sulla sanità del centrosinistra: no alla chiusura dei piccoli ospedali, via i manager di Del Turco, basta con le liste di attesa, potenziamo la medicina sul territorio.
Ed invece ieri, dopo il compiacimento del presidente per la mancata sospensiva da parte del Tar L'Aquila su Villa Pini, sono arrivate subito altre reazioni per l'intervento del ministro Fazio, sceso ancora in campo a difendere Chiodi, e per annunciare le prossime riforme tanto attese e cioè la riconversione e la chiusura dei piccoli ospedali: «in Abruzzo ne debbono restare solo 9». Poi Venturoni parzialmente corregge: «no, potrebbero restare in 11».

PICCOLI OSPEDALI IN PERICOLO

Il tutto con una scìa di polemiche che potrebbero aumentare (non tutti gradiscono, nemmeno nel centrodestra, che dove oggi ci sono ospedali domani ci potrebbero essere solo cronicari) e con qualche contraddizione interna rispetto agli atteggiamenti da tenere in pubblico.
Come è avvenuto l'altro ieri, quando 15 sindaci di centrodestra delle zone interne della Provincia di Chieti sono andati dal prefetto per difendere l'ospedale di Casoli e per chiedere una rete di assistenza sanitaria minima per quel territorio.
«Un territorio inascoltato nella gestione Del Turco e Mazzocca», dicono Mauro Febbo, Antonio Tavani, Paolo Di Guglielmo e Consuelo Di Martino, «dove l'ex manager Caporossi ha fatto solo tagli e riduzione dei reparti ed ha fatto diminuire i servizi. Ma noi siamo fiduciosi sull'apertura al territorio che la nuova Asl vuole fare». Poi la doccia fredda di Fazio: grandi ospedali per i malati acuti, lungodegenze per gli altri. Cioè per Atessa, Casoli, Guardiagrele, Gissi, Vasto, Tagliacozzo, Pescina ecc. ecc., con la coda di inevitabili polemiche, anche per l'invasione di campo del ministro che non tutti hanno gradito.
«Il deficit», spiega invece Carlo Costantini (idv),«obbliga la Regione Abruzzo a dotarsi ed a rispettare un piano di rientro del debito, ma non altera gli equilibri costituzionali per effetto dei quali – fatta eccezione per la determinazione di alcuni principi fondamentali in materia di tutela della salute – è la Regione a dover decidere la propria rete ospedaliera».
«Ancora una volta la classe dirigente che governa la nostra Regione», ha aggiunto, «ha appaltato al Governo non solo la localizzazione delle centrali nucleari o la realizzazione di pozzi petroliferi, ma persino la ridefinizione della rete ospedaliera, di fatto consentendo un esproprio senza precedenti in Italia di prerogative e di competenze che la nostra Costituzione assegna alle Regioni».
«Ma non e' tutto – continua Costantini - Sempre il Ministro Fazio, parlando da vero e proprio “padrone” della sanita' in Abruzzo, ha espresso soddisfazione per l'andamento del piano di rientro, fingendo di ignorare che fino ad oggi i costi del piano di rientro sono stati pagati dai 1.600 lavoratori del gruppo Villa Pini espulsi dal sistema sanitario regionale, dai pensionati e dai lavoratori che pagano le addizionali e dai cittadini abruzzesi che ormai a migliaia sono costretti a rimediare allo sfascio della sanità indebitandosi e pagandosi di tasca propria le prestazioni, mentre tutti gli sprechi, gli appalti inutili, quelli taroccati e le immancabili consulenze - che pesano sul bilancio regionale dieci volte più di quanto pesi il funzionamento di un piccolo ospedale - sono rimasti del tutto invariati ed in alcuni casi sono addirittura aumentati».
E per opporsi a questa deriva lo stesso Costantini chiederà un Consiglio regionale straordinario sulla sanità. Il Pd invece ha chiesto le dimissioni di Venturoni.

IL CURATORE FALLIMENTARE: «GLI STIPENDI DEI DIPENDENTI DI VILLA PINI SALVATI SOLO DALLE BANCHE»

«Solo grazie a tre banche locali (Bls, Carichieti e Carispaq) siamo riusciti a pagare gli stipendi ai dipendenti di Villa Pini. L'assoluta mancanza di liquidità iniziale», ha detto ieri Giuseppina Ivone, curatore della clinica fallita, «e le inaspettate difficoltà sollevate da alcuni debitori non solo hanno impedito inizialmente il regolare ripristino del pagamento degli stipendi ai lavoratori, ma hanno anche reso concreto il pericolo della totale chiusura dell'attività, con la conseguente perdita del valore dell'impresa e di tutti i posti di lavoro».
Il curatore non lo dice ma il riferimento è alla Asl di Chieti che si è opposta anche al decreto ingiuntivo per la riscossione di due milioni dovuti ad Angelini (e quindi al curatore).
Questo ostacolo imprevisto (ufficialmente la Regione è a fianco dei lavoratori) ha lasciato a secco le casse dell'esercizio provvisorio deciso dal tribunale fallimentare per tutelare dipendenti e creditori.
«Non ci posso credere», ha poi aggiunto Costantini, «la politica snobba i lavoratori ed invece un curatore ed un giudice, peraltro non eletti dai cittadini, si fanno carico dei problemi dei dipendenti, pur non essendo questo il loro compito prevalente. Chiodi dovrebbe arrossire per la vergogna di fronte a questa straordinaria prova di sensibilità sociale ed umana. E prenda esempio».

Sebastiano Calella 30/04/2010 8.59

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK



[pagebreak]

EX MANAGER CAPOROSSI:«IO ATTACCATO MA I NUMERI HANNO LA TESTA DURA»

ABRUZZO. Michele Caporossi, il manager della Asl di Lanciano, defenestrato a settembre scorso con il pretesto della creazione di una nuova Asl provinciale a Chieti, torna spesso come un incubo del centrodestra nelle polemiche sulla sanità. Alternativamente è termine di paragone negativo, responsabile di tutti i mali dell'assistenza tra Lanciano e Vasto, bersaglio buono per ogni polemica.
Anche dopo l'incontro tra il prefetto di Chieti Vincenzo Greco e i 15 sindaci delle zone interne, preoccupati del destino dell'ospedale di Casoli è stato più volte citato.
In realtà, dopo il licenziamento un pò frettoloso del settembre scorso (insieme a Mario Maresca, il collega di Chieti), l'ex manager è tornato senza polemiche al suo lavoro ad Ancona.
Ha tuttavia presentato un ricorso contro il provvedimento della Giunta regionale che non avrebbe avuto titolo a nominare il suo sostituto, essendo in carica un Commissario ad acta (Gino Redigolo) al quale soltanto spettavano i poteri di nomina. PrimaDaNoi.it ha chiesto a Caporossi cosa pensa di queste polemiche sul suo operato.
«Non mi sembra il caso di rispondere a personaggi che in campagna elettorale avevano proposto la Asl di montagna e poi, per farci fuori, hanno eliminato addirittura la Asl Lanciano-Vasto», ha spiegato Caporossi, «ricordo solo che nel 2005 l'ho ereditata con una perdita di 65,5 milioni di euro, cioè 370 euro di debito per ogni residente – risponde l'ex manager - Oggi questa Asl chiude il bilancio 2009 in perfetto equilibrio economico, se non in utile».
Cosa pensa sui pericoli di chiusura o di riconversione che corre l'ospedale di Casoli? «I fatti e i numeri hanno la testa dura», spiega, «questo ospedale oggi è già riconvertito, esattamente come vuole il ministro Fazio, così come tutti gli altri di quel territorio. Ed ha numeri di prestazioni moderne ed appropriate, a partire dall' aumentata attività chirurgica e dall'integrazione con la sanità del territorio, che lo mettono al riparo da ogni tentativo di smantellamento: prima del mio arrivo registrava il 19% di prestazioni inappropriate. Il livore e l'odio nei miei confronti, ripetutamente manifestato, non ha bisogno di commenti».
Ma secondo i sindaci di centrodestra di quel territorio, la sua gestione non erano solo rose e fiori…
«E' inutile arrampicarsi sugli specchi: vadano a spiegare le loro ragioni di difensori della vecchia situazione insostenibile al Ministro Fazio, che parla di mantenere solo 9 ospedali. Ebbene nella ex Asl Lanciano-Vasto oggi c'è, se non lo distruggono, un unico presidio ospedaliero articolato in 5 stabilimenti di produzione da specializzare ancora di più all'insegna della continuità assistenziale. Esattamente quello che afferma oggi il manager Francesco Zavattaro (del quale peraltro conservo il gradito ricordo di un corso alla Bocconi nel 1996). Per quello che ha dichiarato, evidentemente, non ha intenzione di abdicare al suo ruolo di tecnico e ha riconosciuto pubblicamente che la Asl Lanciano Vasto ha raggiunto i suoi obiettivi, se è vero che il buon risultato di bilancio è stato ottenuto grazie alla diminuzione della mobilità passiva ed all'aumento del 29,9 % delle prestazioni erogate, oltre che all'eliminazione delle prestazioni inappropriate. Si dovrebbe smettere di mischiare la propaganda spicciola alla programmazione sanitaria».
Se potesse essere ascoltato, cosa consiglierebbe per non diminuire la qualità dell'assistenza nelle zone interne, se gli ospedali fossero riconvertiti solo per le lungodegenze?
«Di volare alto per quella bella terra di cittadini laboriosi, di volare verso le mete della modernità. Come quella di realizzare il nuovo sistema dell'emergenza-urgenza con 5 nuove postazioni di 118 da noi progettato e rimasto lettera morta. Però dubito sinceramente che ciò possa accadere visto il trattamento che ci hanno riservato. I nodi però vengono al pettine quando si vuole gestire la salute dei cittadini sono con fini di potere».

s. c. 30/04/2010 9.16