Punteruolo rosso ha ucciso 500 piante, arrivano le linee guida per difendersi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2963

Punteruolo rosso ha ucciso 500 piante, arrivano le linee guida per difendersi
ABRUZZO. Il Servizio fitosanitario regionale in raccordo con il Comitato fitosanitario nazionale, ha elaborato le linee guida per contrastare il diffondersi del punteruolo delle palme.
Lo ha reso noto l'assessore all'Agricoltura, Mauro Febbo, che ha annunciato il contestuale avvio di un'attività di informazione rivolta agli uffici tecnici delle amministrazioni comunali, che hanno fatto registrare fenomeni di infestazione, e con gli operatori del verde.
«Il documento - ha spiegato l'assessore Febbo - costituisce un riferimento per tutti coloro che, a vario titolo, sono chiamati a contrastare il diffondersi di questo pericoloso insetto».
L'infestazione del parassita ha interessato la fascia costiera, con Pescara, Montesilvano e Silvi, tra i comuni più colpiti, e si è estesa fino alle aree interne.
Attualmente risultano 17 le città interessate da infestazioni più o meno diffuse e si tratta di Alba Adriatica, Corropoli, Pineto, Silvi (provincia di Teramo), Pescara, Montesilvano, Cappelle, Città Sant'Angelo, Spoltore, Pinella e Picciano (provincia di Pescara), Chieti, Francavilla Miglianico, Ortona, San Giovanni Teatino (provincia di Chieti).
Ad oggi si può calcolare una riduzione del numero di piante stimabili in almeno 500 unità.
«La precaria situazione del patrimonio palmicolo in Abruzzo - ha aggiunto Febbo - ci impone il rispetto di alcuni comportamenti, sebbene ci si trovi di fronte ad un parassita particolarmente virulento, aggressivo e dotato di grande voracità e capacità riproduttiva. Comunque - ha concluso l'assessore Febbo - negli arenali infestati è importante l'adozione di misure preventive per salvaguardare il patrimonio di palme restante».
In tal senso gli orientamenti tecnici invitano ad un accurato controllo del materiale vegetale commercializzato, ad una corretta gestione agronomica delle piante, alla stretta sorveglianza delle palme in aree infestate, adottando misure di profilassi e smaltimento in sicurezza.
24/04/10 8.24


CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK