Sistri. La Cna attacca il nuovo sistema rifiuti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3655

PESCARA. Dovranno informatizzarsi perfino il calzolaio o il barbiere, se nessuna modifica al testo sara' apportata, e senza peraltro che si creino davvero benefici all'ambiente.


E' quanto denuncia la Cna abruzzese, che questo pomeriggio, nella sala convegni dell'aeroporto di Pescara, ha chiamato a raccolta decine di imprese per illustrare i problemi connessi all'applicazione del nuovo sistema di tracciabilita' dei rifiuti, meglio conosciuto come "Sistri".
Secondo Luciano Di Lorito, responsabile Ambiente della Cna pescarese, «in Abruzzo, il provvedimento investira' un numero importante di imprese dei piu' svariati settori: dalle carrozzerie all'elettrauto, passando per arti grafiche, orafi, lavanderie, impiantisti, acconciatori, odontotecnici. Una massa enorme, calcolata in circa 15-18mila, con un aumento dei costi che si aggira attorno ai 10 milioni di euro».
A illustrare i problemi creati dalle nuove procedure ha pensato Tommaso Campanile, responsabile Ambiente della Cna nazionale, che non ha lesinato critiche pesanti: «Il Sistri non portera' alcun vantaggio reale all'ambiente, ma solo un sacco di adempimenti in piu' a carico delle imprese, sottoposte a ulteriori aggravi di compiti e costrette, anche nel caso in cui si tratti di minuscole attivita' come quelle di un calzolaio o di un barbiere, a dotarsi di attrezzature informatiche impensabili in quei contesti. E di sicuro, con gli oneri per le imprese cresceranno anche i costi scaricati sui consumatori».
Lo stesso Campanile, ricevuto nei giorni scorsi dalla Commissione Ambiente della Camera dei deputati, ha chiesto una ulteriore proroga di due anni all'introduzione del nuovo sistema, dopo il rinvio deciso gia' nelle scorse settimane in seguito a una forte pressione delle associazioni che rappresentano il mondo dell'impresa.
«Sistri va rivisto - ha detto Campanile nel corso dell'audizione - perche' non semplifica e costa alle imprese. Occorre una sua revisione che porti davvero una semplificazione delle procedure e una riduzione significativa dei costi per le aziende. Quello attuale e' invece un sistema che solleva perplessita' e che non risolve la questione burocratica del materiale cartaceo e delle procedure. La proroga, dunque, si rende necessaria proprio per procedere a un'attenta revisione del testo».
27/03/2010 8.36