Una legge regionale per sostenere il consumo di prodotti abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1011

Una legge regionale per sostenere il consumo di prodotti abruzzesi
L’AQUILA. Dal seminario Coldiretti un’iniziativa a favore di imprese agricole e consumatori. Si ritorna a parlare di distretti territoriali che potrebbero essere la risorsa per il futuro. Ecco la proposta di legge in sintesi.
Una legge regionale per orientare e sostenere il consumo dei prodotti agricoli abruzzesi.
E' la proposta presentata nel corso del seminario intitolato “Prodotti locali tra mercato e distretti rurali” che, promosso dalla Coldiretti Abruzzo in collaborazione con l'Arssa, si è svolto ieri mattina nella sala Celestiniana della basilica Santa Maria di Collemaggio a L'Aquila.
All'incontro, oltre al presidente regionale della Coldiretti Domenico Pasetti e al direttore generale dell'Arssa Donatantonio De Falcis, hanno partecipato l'assessore regionale all'agricoltura Marco Verticelli, il direttore regionale della Coldiretti Giuseppe Spinelli, il capo area dell'azione sindacale della Confederazione nazionale Coldiretti Gaetano Varano e il presidente regionale dell'Anci Antonio Centi.

Sono stati numerosi gli spunti di discussione su cui i relatori si sono confrontati. Dall'importanza dei distretti rurali (dell'olio, del vino, della pasta, per esempio) intesi come “il sistema delle attività economiche che, combinate con l'ambiente, la storia e le tradizioni di uno specifico territorio, ne diventano il motore economico” ai problemi del mercato agroalimentare (italiano e abruzzese) sempre più invaso da prodotti di provenienza estera non sempre caratterizzati da standard qualitativi elevati. Inoltre, numerosi riferimenti anche agli ultimi scandali alimentari (grano cancerogeno, uova marce, aviaria) che, se da una parte hanno determinato la paura verso determinati prodotti alimentari, dall'altra hanno riportato l'attenzione sulla necessità di produzioni sempre più certificate e trasparenti, in linea con quanto sostenuto dalla Coldiretti negli ultimi anni.

Più in dettaglio, nel corso dell'incontro il presidente Pasetti si è soffermato sulla gestione del territorio sottolineando che «se qualche tempo fa le caratteristiche del territorio rurale venivano considerate un limite allo sviluppo ed evocavano scenari di marginalità, oggi in esso si trovano tutte le condizioni per una ripresa e per un crescita economica».
L'avvocato Varano ha spiegato con precisione cosa si intende per distretti rurali, ribadendo che «sono strumenti per valorizzare i prodotti lungo la filiera».
«I distretti sono un'opportunità da valutare ed attivare anche in Abruzzo» ha sottolineato l'avvocato «ma per funzionare dovranno essere condivisi dal basso, non calati superficialmente o, ancora peggio, imposti dalle istituzioni».
Da qui l'inevitabile riferimento alla tutela, alla valorizzazione e alla promozione delle produzioni locali. Che, filo conduttore di tutto l'incontro, sono anche al centro della proposta di legge regionale presentata nel seminario.
«Una proposta», ha sottolineato il direttore della Coldiretti Giuseppe Spinelli, «che mira ad orientare e sostenere il consumo dei prodotti agricoli abruzzesi attraverso l'adozione di adeguate misure volte a favorire un rapporto diretto tra produttori e consumatori nonché una migliore offerta di tali prodotti».
E alla proposta verbale è subito seguito un riscontro concreto.
Nel corso del seminario l'assessore Verticelli ha ribadito che «si deve dare risposta alle emergenze, ma l'obiettivo è quello di gettare e far germogliare il seme della programmazione politica in agricoltura».
E, in tal senso, si è impegnato a portare avanti la proposta di legge della Coldiretti e a sottoscrivere, come primo atto concreto, un Protocollo di intesa tra Regione, Anci e Coldiretti sulla “Tutela e la valorizzazione dei prodotti agricoli locali”, che prevede per la Regione l'impegno a regolamentare e diffondere la pratica della vendita diretta e per l'associazione dei Comuni ad indirizzare in questo senso le varie municipalità abruzzesi.


NORME PER ORIENTARE E SOSTENERE IL CONSUMO DI PRODOTTI AGRICOLI REGIONALI

Di seguito una breve sintesi dei 9 articoli che compongono la proposta di legge presentata dalla Coldiretti Abruzzo.

Nell'articolo 1 sono individuate le finalità a cui si ispira la proposta, mentre l'articolo 2 intende bandire dalla ristorazione collettiva pubblica prodotti contenenti organismi geneticamente modificati, e stimolare i gestori di tale servizio verso l'utilizzo di prodotti agro alimentari di origine regionale.
L'articolo 3 vuol favorire l'incontro tra domanda e offerta di prodotti agricoli provenienti dal territorio regionale attraverso la valorizzazione della vendita diretta di tali prodotti da parte delle imprese agricole operanti sullo stesso territorio.
L'articolo 5 prevede invece forme di incentivo per le imprese commerciali e della ristorazione che consumano prodotti agricoli regionali in misura rilevante, e l'utilizzo di un segno distintivo regionale, per una maggiore visibilità da parte dei consumatori.
L'articolo 6 introduce l'obbligo per i titolari di centri commerciali e grandi strutture di distribuzione in via di realizzazione o di ampliamento di mettere in vendita una determinata percentuale di prodotti agro-alimentari regionali.
L'articolo 7 riconosce uno sgravio fiscale sul carburante per le imprese commerciali che in modo prevalente si approvvigionano direttamente da imprese agricole della Regione e che, in tal modo, riducono l'inquinamento atmosferico dovuto al trasporto merci proveniente da località distanti.
L'articolo 8 si riferisce alla promozione dei biocarburanti, ottenuti da biomasse di origine agricola regionale, attraverso la previsione di un piano energetico regionale finalizzato a promuovere l'impiego tali prodotti per il funzionamento del trasporto pubblico locale e per il riscaldamento degli edifici pubblici.
E per finire, l'ultimo articolo detta specifiche competenze per il controllo delle nuove norme regionali e di quelle già in vigore in materia di commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli.

08/03/2006 11.22